BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

POLEMICHE/ Così L'Espresso arruola Küng per attaccare il Papa

Benedetto XVI (InfoPhoto) Benedetto XVI (InfoPhoto)

E non andrebbe forse nemmeno enfatizzata troppo la sua posizione di avversario, anche personale,  nei confronti dei due ultimi pontefici e delle loro posizioni dottrinali e pastorali: si tratta piuttosto di critiche anche dure, che non travalicano però i confini della confessionalità. Anche per questo, come ci è capitato anche in passato di ricordare, la Chiesa non è un parlamento, ed i suoi attori non si ritengono nemici da combattere ma fratelli in Cristo, magari qualche volta ritenuti in errore e pertanto da correggere, in direzione della comune chiamata alla salvezza. E ciò, si consenta qui, non è offrire un semplicistico esercizio di irenismo accomodante, ma osservare il doveroso rispetto per un’istituzione con le sue specificità irripetibili, che si intende punto di congiunzione tra l’umano e il divino.

© Riproduzione Riservata.