BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTA BARBARA/ La storia di un’appartenenza a Cristo che parla agli uomini d’oggi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Pinturicchio, Santa Barbara in fuga dalla torre (particolare) (Immagine d'archivio)  Pinturicchio, Santa Barbara in fuga dalla torre (particolare) (Immagine d'archivio)

SANTA BARBARA - 4 dicembre (ricordata anche con un film tv Rai) Il dies natalis è il giorno in cui l’uomo nasce alla vita nuova in Cielo. Quella che comunemente noi chiamiamo morte è indicata dalla tradizione della Chiesa come giorno della nascita. Il 4 dicembre è il dies natalis di Santa Barbara che subisce il martirio per decapitazione a opera dello stesso padre. L’anno non è certo, dal momento che le differenti fonti che ci hanno tramandato la memoria della santa divergono al riguardo. Il martirio sarebbe avvenuto o sotto l’Impero di Massimino Trace (235-238) o di Massimiano (286-305) o sotto Massimino Daia (308-313). In ogni caso, prima dell’Editto di Milano emanato da Costantino di cui si sta già ora celebrando la ricorrenza bimillenaria e che estese la libertà di culto a tutti i cittadini dell’Impero romano. Le fonti scritte che ci raccontano di lei, ovvero le passiones, i libri della passione o martirio della santa, divergono pure sull’origine della santa, proveniente più probabilmente dalla Nicomedia oppure da Eliopoli o ancora dalla Toscana.

Santa Barbara è una santa molto popolare (stasera Raiuno la ricorda con un film per la tv), molto rappresentata nella tradizione artistica (basti pensare a Botticelli, Raffaello, Pinturicchio, Lotto), che ha, invece, meno interessato la storiografia, abbastanza scarsa. Non dimentichiamoci, però, che monumenti (cioè «memorie») del passato sono anche quelle tradizioni consegnate ai posteri che si differenziano dalla scrittura.

In breve la storia. Il ricco padre pagano di nome Dioscuro custodisce Barbara in una torre (elemento che compare nell’iconografia tradizionale assieme alla palma, alla corona, alla spada o al ciborio con l’ostia tenuta sopra di esso), geloso della sua straordinaria bellezza, deciso a proteggerla dai tanti pretendenti. La torre-prigione di Barbara viene dotata di un grande bagno. Un giorno, partito il padre, Barbara, che già da tempo ha consacrato il suo cuore a Cristo, coglie l’occasione per farsi battezzare e in segno della sua fede nella Santissima Trinità fa costruire nella torre in cui è rinchiusa una terza finestra.

Accortosi della fede cristiana della figlia, il padre cerca di sottoporla più volte a punizioni e supplizi. «Dioscuro […] la trascina davanti al giudice, che procede crudelmente nei suoi confronti. Cristo stesso, però, le infonde forza e le dà una compagna in Giuliana. Ma il tiranno vuol colpire Barbara al cuore. Pertanto fa spogliare la giovane, per esporla nei mercati della regione agli sguardi cupidi di una folla curiosa. Barbara invoca Dio che riempia il cielo di nuvole e la terra con la nebbia del mattino e della sera. E Dio ascolta la sua preghiera» (Peter Manns).



  PAG. SUCC. >