BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRIMO LEVI/ Anche l'Idrogeno può diventare la vocazione di una vita

Pubblicazione:

Primo Levi (immagine d'archivio)  Primo Levi (immagine d'archivio)

Non riesco però a chiudere senza ricordare due suoi libri meno famosi, ma ai quali ritorno spesso per prendere una boccata d'aria. Storie naturali Vizio di forma, cioè i primi dopo La Tregua (usava lo pseudonimo di Damiano Malabaila, come per non mescolare il sacro con il profano). Sono due raccolte di racconti di fantascienza, a volte di puro divertimento come nella parodia della creazione vista con gli occhi di una riunione tecnica aziendale, ma alternati ad altri di una profondità angosciante, come il dittico sull'ipocrisia degli aiuti umanitari La nutrice - Il rafter, la chiusura apocalittica di Ottima è l'acqua o le riflessioni bioetiche di Versamina o di Trattamento di quiescenza che, fra l'altro, anticipa temi diventati poi abituali nel cinema. 

Levi a scuola non si legge, tranne la sua sconvolgente opera prima. E forse è un bene, perché è troppo grande per essere soffocato dalla routine del risaputo. Difficile inquadrare nelle formulette critiche dei libri di testo un autore che riesce a fare letteratura pensando alla tissotropia del filo di una ragnatela.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.