BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ Davvero i neuroni possono spiegare tutto?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Caravaggio, Incredulità di san Tommaso (1600-01, particolare; immagine d'archivio)  Caravaggio, Incredulità di san Tommaso (1600-01, particolare; immagine d'archivio)

Per fare un esempio un po’ differente: è piuttosto evidente che il successo di Vito Mancuso è legato all’abile miscela di aggiornamento scientifico di stampo “evoluzionistico” e suggestioni di tono spirituale (per inciso: abissalmente lontane dalla carnalità cristiana e dal peso inaggirabile del peccato ovvero del limite). Era già la formula discutibile di Teilhard de Chardin, l’autore a cui Mancuso è più vicino.

Non ho qui spazio per intraprendere un’analisi delle tesi di Mancuso. Mi limito ad osservare, in linea con quanto notato finora, che mi pare in generale tutt’altro che una buona idea attendere dalla scienza la legittimazione delle opinioni filosofiche o delle opzioni etiche. Al contrario: lo scienziato, il filosofo, il credente, l’ateo, etc., sono tutti assolutamente sullo stesso piano democratico e comunicativo, e di fronte alla stessa radicale difficoltà della scelta, nel momento in cui si trovano di fronte alle visioni ontologiche o alle valutazioni morali. E ciò perché, come abbiamo visto, derivare conseguenze al livello antropologico a partire dai risultati scientifici, è di norma una tentazione da rifiutare.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.