BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Chi era davvero il cardinale Jean Daniélou?

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Amava discutere con gli studenti: era stato cappellano universitario e, insieme a madre Marie de l'Assomption, aveva dato vita ad un movimento ecclesiale per studentesse, denominato Circolo san Giovanni Battista (parecchi suoi libri sono nate da questa attività di predicazione). Daniélou non fu soltanto un uomo di cultura; non fu nemmeno innanzitutto un uomo di cultura. Fu innanzitutto un prete, apostolo di Cristo, infiammato dal desiderio di insegnare agli uomini e alle donne la bellezza della vita cristiana.

La sua è una voce di grande attualità. Il suo pensiero e la sua azione pastorale hanno anticipato di diversi decenni gli sforzi di ecumenismo e di dialogo inter-religioso che proseguono ai nostri giorni. Il suo approccio all’interpretazione della scrittura si ritrova, quasi immutata, nell'opera dell'attuale pontefice, in particolare nelle introduzioni ai due volumi su Gesù di Nazareth.

Nei mesi scorsi, intellettuali quali Ravasi e Simonetti hanno scritto di lui sulla stampa italiana. Molti editori, tra cui Lindau, Cantagalli, Arkeios, Morcelliana, e EDB, stanno ripubblicando le sue opere. E oggi un convegno a Roma, nell'aula magna dell'Università Santa Croce. È il primo convegno italiano in quasi quarant'anni ad occuparsi dell'opera del cardinale francese.

Lui, del resto, in quarant'anni non è invecchiato. A sessantanove anni, scrisse: “J'ai toujours vingt ans; ceux que j'ai connus à vingt ans ont toujours vingt ans pour moi”.

 

La giornata di studi è promossa dalla Pontificia Università della Santa Croce e dalla Fraternità san Carlo si svolge a Roma il 9 maggio 2012 alle ore 15.30, nell’Aula Magna della Università Santa Croce (Piazza Sant’Apollinare 49). Dopo il saluto iniziale del Magnifico Rettore, mons. Luis Romera, il programma prevede un intervento introduttivo di mons. Massimo Camisasca, superiore generale della Fraternità san Carlo; la professoressa Ysabel de Andia darà poi il suo contributo: Mistica, patristica e liturgia: in dialogo con Jean Daniélou. Seguiranno l’intervento di mons. Guillaume Derville, docente di Teologia dogmatica, dal titolo Risonanze dei misteri della vita di Gesù nei sacramenti, e quello del prof. don Giulio Maspero, Trinità ed esistenza: un metodo teologico appreso dai Padri. Concluderà la giornata una tavola rotonda presieduta dal Rettore.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.