BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA A MILANO/ Scaraffia: solo la famiglia può salvarci dalla rivoluzione fallita

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Lo sta già cambiando e di molto. Si sta diffondendo un’eugenetica che non viene chiamata per nome ma che di fatto lo è, trovando espressione, per esempio, nella possibilità di sapere prima se un figlio sarà handicappato o no e, nel caso, di eliminarlo. Come se fosse meglio per lui non vivere.

La politica ha qualche responsabilità nella trasformazione della famiglia che si è avuta in Italia nell’ultimo mezzo secolo?

Le leggi del divorzio e dell’aborto hanno cambiato completamente il modo di vivere la famiglia. Quelle leggi sono arrivate prima o poi in quasi tutti i Paesi europei. Da storica posso dire che era quasi impossibile che in Italia non si facessero; non si può negare poi che nel nostro Paese lo Stato non ha mai fatto una politica di vero appoggio della famiglia. Da noi è la famiglia che appoggia lo Stato, non viceversa.

Secondo lei un credente dovrebbe ipotizzare di poter tornare indietro, abrogando quelle leggi?

Il punto è un altro. Penso che il primo compito sia quello di riflettere sulla fine del mito dell’autorealizzazione individuale, cogliendo la vera portata di questa crisi, per prepararne, innanzitutto sul piano culturale, il superamento. Prima della rivoluzione sessuale la famiglia era una realtà «normale», connaturata al sentire comune e come tale non discussa. Tornare alla famiglia dopo la crisi e con una coscienza nuova del valore, sarebbe qualcosa di grandemente positivo.

Cosa si attende da questo VII incontro mondiale delle famiglie?

La famiglia in questi anni è stata trattata come un moribondo, mentre il futuro sembrava stare nelle unioni omosessuali. Mi auguro che questo incontro, cadendo in un periodo di crisi che non è solo economica ma coinvolge tutta la cultura e la società, segni un cambiamento di rotta.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.