BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Perché in Italia non ha fatto notizia l'addio di Elinor Ostrom?

Pubblicazione:

Elinor Ostrom, premio Nobel per l'economia (1933-2012; immagine d'archivio)  Elinor Ostrom, premio Nobel per l'economia (1933-2012; immagine d'archivio)

Inoltre i meccanismi di risoluzione dei conflitti devono avere ambiti locali e pubblici, in maniera tale da essere accessibili per tutti i soggetti di una comunità. Accanto a meccanismi di sanzioni progressive, si prevede ancora che si instauri un controllo reciproco tra gli stessi fruitori della risorsa. Questo ha un duplice merito: primo, chi è interessato a una gestione corretta della risorsa (il fruitore) ha anche i giusti incentivi per svolgere un controllo della medesima; secondo, i fruitori sono anche i soggetti che hanno le maggiori informazioni su come la risorsa possa essere utilizzata in maniera inappropriata dagli altri. Infine, le regole oltre a essere chiare, condivise e rese effettive da tutti i fruitori, non devono contrastare con livelli superiori di governo (esempio regole statali). 

Con quest’ultima condizione appare chiaro che la grande dicotomia stato e mercato è parziale e troppo stretta, e quindi destinata a sgretolarsi teoricamente (scrive la Ostrom nel suo Governare i beni collettivi). In una prospettiva più corretta (ci ricorda lo stesso titolo della Lecture per il Nobel della Ostrom “Beyond Markets and States: Polycentric Governance of Complex Economic Systems”) si deve tener conto del fatto che nella realtà emergono e possono coesistere più livelli complementari (e non strettamente alternativi) di “governance” della medesima risorsa. Come precisa la Ostrom, per policentrismo si indica una pluralità di centri decisionali interdipendenti sulla gestione di una risorsa; sotto quali condizioni i vari livelli cooperano come un unico sistema o entrano in conflitto è l’agenda di ricerca che ereditiamo da Elinor Ostrom e al cui studio, permetteteci di ricordare, il Centro Studi Tocqueville-Acton ha dedicato il suo annale 2011 “Subsidiarity and Institutional Polyarchy”. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.