BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Da Montale a Grossman, da Wallace a Cavalcanti, c’è un’opera che non si trova…

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Cerco perciò l’opera in cui la parola sia veritiera, non tema di incontrare gli occhi o il pensiero di chi la sta pronunciando. Diversamente da quel che accade a Walter, il protagonista di Libertà di J. Franzen, che vuol fondare un’associazione contro la riproduzione del più pericoloso tra gli essere viventi, l’uomo (non è fantascienza; consiglio di leggere quel che ha scritto R. Brague sul penultimo numero di Vita e pensiero). Solo che Walter deve nascondere a se stesso che il desiderio più ardente nei confronti della sua più fedele seguace, la sua segretaria, è quello di avere un figlio con lei.

Cerco la parola sincera (paese sincero è il nome che Dante, e Tasso dopo di lui, riferiscono al Paradiso); la parola semplice di Saba:

 

Amai trite parole che non uno

osava. M’incantò la rima fiore

amore,

la più antica difficile del mondo.

 

(La bellezza è difficile, scrive Pound nei Canti pisani)

 

Cerco i limoni di Montale, il saor del pan di Noventa, la pobbia de cà Colonetta di Delio Tessa, il pioppo di Rebora, San Martino di Carducci, il Friuli di Pasolini, la lauzeta di Ventadorn; insomma quelle cose cantate dai poeti di cui si può dire quel che Franco Loi dice del mondo:

 

Cume me pias el mund! L’aria, el so fiâ!

j àrbur, l’èrba, el sû, quj câ, i bèj strâd,
la lüna che se sfalsa, l’èrga tra i câ,
me pias el sals del mar, i matt cinâd,
i càlis tra i amís, i abièss nel vent,
e tücc i ròbb de Diu, anca i munâd,
i spall che van de pressia cuj öcc bass,
la dònna che te svisa i sentiment:
l’è lí el mund, e par squasi spettàss
che tí te ‘l vàrdet, te ghe dét atrâ,
che lü ‘l gh’è sempre, ma facil smemuriàss.
tràss föra ind i pernser, vèss durmentâ…
Ma quan’ che riva l’umbra de la sera,
‘me che te ciama el mund! cume slargâ
te vègn adòss quèl ciel ne la sua vera
belessa sena feng nel so pensàss,
e alura del tò pien te càmbiet cera.

Infatti

Non c’è bruscolo di tempo

né di spazio

che non meriti per sé infiniti poemi

che già in sé non li sia.

(A. Zanzotto Il vero tema).



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >