BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Socci: solo Pietro può salvarci dallo smarrimento

Pubblicazione:

foto Infophoto  foto Infophoto

Ho sempre avuto un forte interesse per questo tipo di personalità. Con un certo stupore ho scoperto recentemente personaggi che io ho stimato molto, penso a grandi pensatori della Chiesa, da Von Balthasar a Ratzinger stesso, sostenere che l'esperienza mistica dentro la Chiesa è una cosa grande, che deve ancora essere valorizzata e trovare il suo statuto. E' come una di quelle forme con cui la Grazia in ogni tempo soccorre la Chiesa.

E Maria Valtorta?

Sebbene fosse sempre vissuta in Toscana non avevo mai conosciuto questa figura. Invece sono rimasto colpito a dir poco, anzi emozionato, da questa opera strepitosa che lei ha scritto (L'Evangelo come mi è stato rivelato, ndr). Una donna che ha vissuto a livello eroico le varie virtù, tanto è vero che per ventisette anni è rimasta bloccata in un letto vivendo con una fede incredibile questa sua condizione di malattia. Nella sua vita ebbe queste esperienze mistiche in cui Gesù le ha fatto rivivere giorno per giorno tutta la sua vita. 

Impressionante.

Io stesso ho affrontato con un po' di scetticismo questi suoi scritti, che invece alla fine mi hanno travolto. Il mio libro in realtà non si svolge intorno a questo, ma intorno ad altre indagini e sue rivelazioni, avute da Gesù stesso sui primi tempi dei cristiani a Roma e sulla sepoltura di Pietro. 

Che come dicevamo è il cuore del libro, la ricerca di Pietro.

E' ricerca del legame con l'evento originario, la ricerca di Pietro come ricerca del cuore della Chiesa. Il martirio di Pietro è una delle cose fondamentali per le sue conseguenze decisive per la Chiesa, perché la presenza di Pietro a Roma è ciò che fonda il primato del vescovo di Roma, la continuità apostolica. La presenza di Pietro a Roma è documentata benissimo attraverso documenti storici, non si può metterla in discussione, ma il ritrovamento del corpo avrebbe una impatto enorme. Gesù dice alla Valtorta che è un dono grandissimo che Egli fa alla Sua Chiesa quello di rivelare dove si trova. Ma dice anche: prima ancora del corpo dovete ricercare lo spirito di Pietro e dei primi cristiani. Quanto ci dice Gesù tramite la Valtorta ci dà anche la misura della quantità enorme di martiri di quella Chiesa, numero oggi grandemente sottostimato. Roma di fatto è costruita su una unica catacomba che contiene migliaia di martiri.  

Il suoi libro si conclude con l'elezione di un Papa cinese: è un modo di dire che il futuro della Chiesa arriverà dal cosiddetto  terzo mondo?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >