BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Persino il cuore di un dipendente della Stasi può cambiare?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Come documenta Ruth Hoffmann in un libro uscito recentemente a Berlino e dedicato proprio ai «Figli della Stasi», vi furono casi in cui i genitori erano convocati dai superiori a giustificare l’operato dei loro figli, rei magari di frequentare gruppi punk, pacifisti, o semplicemente una chiesa. Così bastava che la nostra Sabine si innamorasse del figlio di un diplomatico jugoslavo per mettere in pericolo il posto di lavoro del padre. Gli episodi più drammatici furono quelli in cui un genitore arrestava il proprio figlio o ne rinnegava la paternità, o i figli che se ne andavano per sempre, senza cercare un riavvicinamento neppure dopo l’89. Altri funzionari invece sacrificarono la carriera e preferirono pagare con il pensionamento, il trasferimento o il carcere piuttosto che vedere la propria famiglia andare in rovina.

Cosa doveva fare ora Sabine? Continuare a fidarsi di suo padre e denunciare Inge perché aveva una mezza idea di fuggire all’Ovest col suo ragazzo? O fingere di non sapere nulla e magari approfittare lei stessa di qualche occasione per fuggire? Mettere alle strette i suoi, fare una scenata, o soffocare in quel groviglio di dubbi con cui ora rileggeva ogni episodio passato, rendendosi conto di essere a un tempo vittima e partecipe del sistema?  Un particolare dolce e triste le impediva di prender sonno: pensava alle mani di suo padre che le arruffavano i capelli quand’era bambina – e come si arrabbiava! –, e ora le vedeva scagliarsi contro il ragazzo di Inge, pronte a pestarlo a sangue, com’era accaduto a qualche suo amico. Oppure no, forse non era così, forse suo papà era veramente un semplice «dipendente del ministero», uno dei tanti burocrati anonimi che si barcamenava tra le maglie del sistema.

Un mese dopo, agli inizi di ottobre, anche Sabine era fra le migliaia di cittadini scesi in piazza, a Dresda, in quei giorni euforici che avrebbero portato al crollo del regime. Sabine era là per sé e anche per suo padre, per dimostrargli che il cuore di ogni uomo può cambiare la storia quando rifiuta la vita nella menzogna, e il suo era colmo di quel desiderio di verità, libertà e bellezza, per tanti anni schiacciato sotto la maschera della finzione e dell’ideologia, senza aver trovato ancora risposta.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.