BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Quel "noi" crocevia tra amicizia e discordia nell'incontro di Murgia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Michela Murgia  Michela Murgia

In mezzo a tanta produzione letteraria odierna che ammicca al trasgressivo, al giovanilismo e alla libertà eslege (libera da doveri e da assunzioni di responsabilità) la scrittrice sarda Michela Murgia (1972) dimostra che si può ancora vendere nelle librerie parlando semplicemente dell’uomo, dei suoi affetti e delle sue storie. Romanzo breve o, se preferiamo, racconto lungo costruito sulla base di un testo già pubblicato su Il corriere della sera, "L’incontro" è l’ultima opera di Michela Murgia, dopo quel Accabadora che ha vinto il Premio Campiello nel 2010 ed è stato tradotto in una ventina di paesi.

La narrazione è condotta con gli occhi spalancati e stupiti di un ragazzino di undici anni. Almeno in parte e con le dovute differenze, la lettura richiama sia la produzione di Verga che quella di Pavese per l’essenzialità della scrittura, per la dimensione del recupero memoriale, per l’attaccamento alla terra di origine e per la presenza del mito commista con quella della storia. La dimensione mitica, propria dell’infanzia e di un mondo ancestrale, rimasto sempre uguale e per certi versi immutato, come nel paese sardo di Cabras, si mescola a quella epica, corale, di popolo. Chi non ricorda l’epopea della famiglia Toscano, i Malavoglia, nel paese di Aci Trezza?

Qui l’arco della storia è ridotto a un’estate come nell’opera di Pavese La bella estate e i protagonisti sono tre amici come ne "Il diavolo sulle colline" (sempre di Pavese). Qui, non è una famiglia a essere protagonista, ma un’amicizia forte, come quella che si forma per le strade, più stretta dei vincoli di parentela. «La strada e l’averci giocato insieme offre ai bambini una più alta dimensione di parentela, che nemmeno da adulti sarà mai dimenticata. […] Non c’è stato di famiglia che possa vincere la battaglia contro i pomeriggi di sole estivo in cui si è riusciti a infilare il primo pallone in porta tra le grida dei compagni, o liberato insieme una libellula gigante entrata per sbaglio in un retino di farfalle».

Maurizio, Franco, Giulio vivono un’estate magica, nel 1986, l’estate dei topi, delle palle incendiarie, in cui quelli che potrebbero essere piccoli fatti agli occhi di adulti estranei al gruppo e dimentichi di quell’età diventano grandi imprese, gesta epiche, che segneranno tutta l’estate o, addirittura, tutto l’anno nella cittadina di Cabras.



  PAG. SUCC. >