BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Stupirsi di fatti semplici, la lezione del "terzo Chomsky"

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Noam A. Chomsky (InfoPhoto)  Noam A. Chomsky (InfoPhoto)

“Tutte le frasi di tutte le lingue hanno una struttura” è quasi il “principio dei principî”: senza di esso, il parlante non può distinguere le frasi corrette da quelle scorrette. Il principio della struttura permette di introdurre la nozione di sintagma e rende ragione delle componenti elementari della grammaticalità.

A loro volta, i parametri sono grandezze che, a seconda della lingua, ricevono valori diversi. Per esempio, “Pro-drop” è un parametro che riguarda l’omissione del pronome soggetto. Per il francese, l’inglese e il tedesco vi si attribuisce un valore negativo (non è consentita l’omissione); lingue come l’italiano, l’ungherese, il russo consentono invece il “Pro-drop”.

Altro principio, forse meno evidente, è l’endocentricità di tutti i sintagmi (dove “sintagma”, all’incirca, indica una parola o un gruppo di parole che svolgono una data funzione sintattica). Esso afferma che “ogni sintagma SX deve avere una testa dello stesso tipo” (nella terminologia della grammatica generativa testa – dall’inglese head – indica l’elemento caratteristico di un sintagma: per esempio, il nome libro è il nucleo di un sintagma nominale come tutti i nostri libri di linguistica). In simboli: XP à …X…, dove è un elemento dell’insieme formato da NVP (nome, verbo, preposizione) ed eventuali altri simboli, che stanno ciascuno per una categoria lessicale (cioè il carattere generico comune a una classe di parole).

Il principio di endocentricità mette in luce un altro aspetto fondamentale della struttura sintagmatica: ogni sintagma “parte” da una categoria lessicale che trasferisce, cioè “proietta” le proprie caratteristiche su un livello superiore, dal quale essa domina altri elementi; la proiezione può salire fino a un ulteriore livello, da cui la testa domina tutti gli elementi ai quali ha trasferito le sue proprietà: questo livello coincide con la categoria del sintagma. Per esempio, il sintagma nominale ha una struttura articolata in tre livelli, o “barre”:

 

schema

è la testa del sintagma (per esempio, sono le informazioni categoriali rappresentate da un nome come gatto). Compl è il complemento di N: corrisponde, per esempio, a un attributo (nuovo in libro nuovo) o a un sintagma preposizionale (di fisica in libro di fisica). N' (con una barra) è il dominio died è costituito dalla testa con il suo complemento (libro di fisica oppure libro nuovo). A N' si applicaSpec (“specificatore”) che corrisponde a categorie come l’articolo o il dimostrativo. N'' (con due barre) è la proiezione massima di e costituisce un sintagma nominale (questo libro di fisica).



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >