BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FAMIGLIA/ Quel "patto" per l'infinito che i nuovi diritti non possono scalfire

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Il tema della natura dell’uomo in rapporto all’infinito, che ha dato il titolo all'ultima edizione del Meeting di Rimini, è davvero ricco di applicazioni e, tra queste, una delle meno scontate, ma anche una delle più feconde, è quella relativa al matrimonio. 

In un saggio recentemente ripubblicato, Julia Kristeva si chiedeva: “se il desiderio è volubile, ebbro di novità, instabile per definizione, che cosa è che spinge l’amore a sognare la coppia eterna? Perché la fedeltà, il giuramento di un’intesa durevole?”.

Molte le ragioni tentate per spiegare questo strano moto del cuore e tutte insoddisfacenti. Gli etologi hanno parlato, per la donna, di un istinto uterino di stabilità per assicurare un nido alla prole. Ma per il maschio? Per quest’ultimo e per entrambi i sessi, i sociologi e gli psicologi hanno parlato di un bisogno di sicurezza contro la perdita di identità provocata da un contesto sociale caratterizzato dall’aperta molteplicità dei piaceri e dei godimenti, dall’inversione e dalla confusione dei ruoli. Di fronte a questa perdita d’identità e a questa confusione la coppia stabile funzionerebbe come “specchio durevole” di un “riconoscimento ripetuto”, di un ruolo consolidato e confortevole, attraverso il quale recuperare la propria identità perduta. Ma, allora, perché il sogno della coppia eterna attraversa tutte le epoche, indipendentemente dal contesto sociale e culturale, come un mito, da Orfeo ed Euridice in avanti?

Qualche tempo fa, nelle discussioni che hanno preceduto e seguito un incontro con alcuni amici che operano nel campo del diritto, proprio sul tema del matrimonio, si era tentato di far vedere come le concezioni di fondo dell’amore di coppia avessero declinazioni giuridiche tipiche. In questa prospettiva si erano provocatoriamente individuate alcune inaspettate conseguenze della visione “sentimentale” del matrimonio, proprio in rapporto alla sua instabilità, con conseguente massiccio ricorso, nelle società dove tale visione prevale, agli istituti giuridici (come il divorzio o la separazione) che a questa instabilità si connettono. Sempre in quel contesto si era, invece, cercato di chiarire quali  diverse ricadute avesse il matrimonio inteso come “promessa”, impegno di uomo e donna alla durata, riflettendo su quale fosse il “precipitato giuridico” di una simile visione, con particolare riguardo alla concezione “neo-istituzionale” della famiglia in confronto alla concezione “contrattuale” dell’unione di coppia.

Il rischio è che le severe forme dei ragionamenti giuridici oscurino la bellezza di ciò che rivestono e possano addirittura creare equivoci, tanto che il “matrimonio-promessa” o il “matrimonio-istituzione” possono essere visti addirittura come un legame fatto solo di obblighi e di scelte della ragione, prodotto di un freddo calcolo razionale, quasi che in esso il sentimento non avesse alcun ruolo e vi fosse addirittura osteggiato. Nulla di più falso.



  PAG. SUCC. >