BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIBATTITO/ Da Reagan alla Merkel, la parabola di un sogno sconfitto

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Anche io sono contro gli eccessi, contro ogni eccesso. Ma qui siamo in una situazione (come per la moneta) di mancanza di principi sociali cattolici, non di eccesso. E se i paesi del sud Europa fossero stati meno larghi nelle spese, i primi a soffrirne sarebbero stati proprio gli efficienti paesi del nord Europa. Al contrario, invece di guardare in faccia alla realtà di questa crisi, che viene dall'imposizione di un modello liberista che non mette al centro il bene comune, l'articolo sopra citato, ricordando che la Merkel è figlia di un pastore protestante e il presidente tedesco Gauck è un ex pastore luterano, si conclude con la preoccupazione che la “geo-religione dello spread” possa accentuare le divisioni.

Forse è il caso di rimettere mano alla progetto di una Costituzione europea e al Trattato di Lisbona. E di prepararsi alla stampa di una moneta nazionale italiana.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
23/09/2012 - Liberismo (Leonardo Pavese)

Non c'è nessuna contraddizione fra cattolicesimo e liberismo. L'idea di "bene comune" è un'idea che conduce alla pianificazione centralizzata statalista dell'economia (a proposito: è quella che è fallita, non il liberismo), diretta da un collegio di "saggi", i quali presumibilmente sanno quello che è bene per tutti. L'individuo, in quanto unico e creato a immagine di Dio è supremo. I diritti individuali sono inviolabili, a cominciare dalla vita; e certamente comprendono la proprietà privata (che tra l'altro è anche considerata inviolabile dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani). Se poniamo il "bene comune" al di sopra dell'individuo, ci mettiamo nelle mani dello stato. Di stato si muore. La croce è il simbolo dell'individuo che vi si oppone (allo stato), e muore, ma risponde solo alla legge divina. A proposito, ci sono numerosi autori cattolici, liberisti e libertari: Lew Rockwell Jr., Randy England, Joe Sobran, Leonard Liggio, Thomas E. Woods. Vi consiglio di leggerli. Sono tutti americani; sarà che forse dalla terra del liberismo arriva qualcosa di buono?

 
07/09/2012 - Bene (Mariano Belli)

Che bell'articolo! E annoto con piacere che le voci contrarie alla dittatura bancaria aumentano ogni giorno di più...è quello che ci vuole!

 
07/09/2012 - Commento rapido (Diego Perna)

Monti dice abbiamo scampato il crollo, c' è tutta la stampa e i media che osannano Draghi salvatore di banche e di spread, la Grecia l'abbiamo dimenticata, le borse non si possono tenere e Lei scrive proprio oggi un articolo come questo. Mi sa che come tempismo non è azzaccato, la crisi, se non l' ha ancora capito, è finita! Anzi non è mai iniziata.