BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Ebrei e russi, la riconciliazione ha bisogno della storia

InfoPhoto InfoPhoto

Nel coro degli elogi qualcuno, sulla stampa russa, ha commentato che forse il tecnologismo spinto ha un po’ preso la mano, favorendo la dimensione spettacolare a scapito del contenuto, della palpabile presenza degli oggetti materiali della storia: e qui si apre il discorso sulla sostanza di tutto questo enorme sforzo creativo. L’ebraismo è un tema enorme e critico per la Russia, irto di spunti polemici da ambo le parti, perché se gli ebrei possono rimproverare ai russi i pogrom antiebraici dello zarismo e l’antisemitismo staliniano, i russi possono rimproverare la forte presenza ebraica tra i terroristi e nel movimento rivoluzionario. Ma direi che l’impegno degli ideatori è stato d’ampio respiro e molto serio nell’evitare partigianerie e imbarazzati silenzi, innanzitutto il silenzio più facile oggi, quello sul nucleo religioso: il primo passo nel museo, infatti, è rappresentato da un filmato introduttivo che narra succintamente la storia del popolo ebraico e del suo rapporto con Dio, senza il quale niente di ciò che è accaduto dopo sarebbe spiegabile. 

Poi, a commento dei dati storici e statistici sulla diaspora mondiale del popolo ebraico, troviamo la ricostruzione dolce e malinconica ad un tempo degli shtetl, i villaggi ebraici di Bielorussia, Ucraina e paesi baltici, con la loro miseria intessuta di tradizioni secolari; ne sentiamo persino le voci e i canti originali, registrati a suo tempo dagli etnologi. Dalla nostalgia per questo mondo armonioso violato dai pogrom e da leggi che non lasciavano speranza, sorge la domanda bruciante che viene posta direttamente al visitatore: cosa dovevano fare gli ebrei, stretti fra un ambiente ostile e le promesse utopiche dell’ideologia marxista? Così, senza giustificare nulla ma senza neanche scaricare sugli altri tutte le colpe, è spiegata con pacatezza l’adesione ebraica alla rivoluzione. Un’illusione, come si mostra subito dopo, pagata a caro prezzo dagli ebrei. Questo è solo un esempio di come il percorso museale spieghi con dati e fatti, senza retorica e proclami, i nodi di una storia spesso tragica che ha ridotto la più grossa comunità ebraica al mondo dai 5 milioni iniziali agli attuali 150mila. 

Il nuovo museo di Mosca mostra che in Russia è possibile fare storia senza essere apologetici, fare memoria senza accusare; che è possibile essere rigorosi senza rinunciare a trasmettere il vivo senso umano del passato. Senso che è dato attraverso gli elementi storici, etnografici, culturali offerti in modo affascinante: per capire basta aver voglia di toccare, ascoltare e guardare; il percorso offre 18 ore di materiali video oltre alle fotografie e agli audio, la lettura e l’ascolto di tutti i materiali a disposizione richiederebbe 48 ore.