BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Odoardo Focherini, il "giusto" che diventerà beato

Pubblicazione:

Odoardo Focherini (per gentile concessione d Maria Peri)  Odoardo Focherini (per gentile concessione d Maria Peri)

Anche quest’anno - in occasione della Giornata della memoria - ci viene chiesto di ricordare le vittime di quella enorme tragedia che è stata la deportazione in Europa; siamo chiamati a fare memoria di tutti i perseguitati, in particolare quelli legati a responsabilità italiane. Le leggi razziali fasciste, il campo di smistamento di Fossoli e altre realtà simili in Italia e nell’ex Jugoslavia ci ricordano che anche il governo e il popolo italiano in quegli anni si sono abbassati a compiere brutture che sarebbe meglio non ricordare. 

Invece lo dobbiamo fare, per rispetto delle vittime, per tutti i sopravissuti che sono rimasti nel nostro Paese cercando di restituirgli onore e democrazia, ma anche per assumerci le responsabilità di un passato ingombrante, forse troppo relegato a qualcosa che sembra non toccarci, che non deve scuotere le nostre coscienze, il nostro senso di responsabilità nazionale.

Ci saremo chiesti almeno una volta nella vita come abbiano potuto giovani massacrare loro connazionali civili o arrestare bambini ebrei, o ancora gestire il campo di Fossoli cercando di difenderne l’autonomia verso l’occupante nazista che tendeva a fagocitare tutto e tutti.

Ci saremo chiesti almeno una volta che cosa avremmo fatto noi se in quegli anni ci fosse toccato di vivere.

La risposta buonista forse sorge spontanea. Ma siamo così sicuri che non ci saremmo lasciati prendere la mano e la mente da una propaganda martellante e violenta verso “razze inferiori”? Che saremmo stati capaci di continuare a leggere la realtà con obiettività e acume tenendo fuori la testa dalla marea di notizie urlate e mai verificate? Avremmo avuto il coraggio di difendere il più debole, l’oppresso, l’indifeso quanto questo poteva costare la vita?

Le difficoltà erano enormi, i rischi anche maggiori. Eppure migliaia di persone in Europa hanno seguito la loro coscienza, la loro fede e hanno continuato a sentirsi uomini e donne appieno proprio perché hanno fatto sì che altri esseri umani potessero evitare la deportazione, salvando loro la vita.

Fra questi casi - noti e meno noti - ci sono tanti italiani, c’è anche Odoardo Focherini. Nato e vissuto in provincia di Modena, ma legatissimo alle sue origini trentine, Odoardo cresce in una vivace realtà di Chiesa locale. Pur facendo parte di molte associazioni laicali, la sua vita si lega strettamente all’Azione Cattolica di cui, da giovane associato, diventerà presidente diocesano. 

Lavora prima nella bottega del padre Tobia, poi trova lavoro come assicuratore presso la compagnia Cattolica Assicurazione; negli anni ne diventerà ispettore.Nel 1930 sposa Maria Marchesi e tra il 1931 e il 1943 nascono i 7 amatissimi figli.

Tra le tante passioni - la montagna, i canti, la fisarmonica, il teatro... - prevale quella per il mondo del giornalismo, della carta stampata che lo porta ad essere cronista e inviato per alcune testate cattoliche fino ad essere, dal 1939, amministratore delegato del quotidiano bolognese L’Avvenire d’Italia con sede a Bologna. 



  PAG. SUCC. >