BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ARTE/ Perché in tempo di crisi la gente preferisce Picasso a Caravaggio?

Pubblicazione:

Pablo Picasso, Portrait de Dora Maar (particolare, 1937) (Immagine d'archivio)  Pablo Picasso, Portrait de Dora Maar (particolare, 1937) (Immagine d'archivio)

A volte questi meccanismi collettivi aiutano anche a capire con più chiarezza chi li ha suscitati. In questo caso cioè a capire meglio la grandezza di Picasso. Nel piccolo e affascinante libretto che Gertrude Stein (la sua prima grande collezionista già ad inizio 900) ha scritto per ricordare la sua amicizia con Picasso, c’è una pagina che trovo rivelatrice. È quella in cui la Stein, volendo spiegare la stagione cubista dell’artista, rivela un particolare che probabilmente era emerso in qualche conversazione avuta con lui. Dice che per Picasso il cubismo equivaleva ad adottare lo sguardo proprio di un bambino quando è in braccio a sua madre. Scrive la Stein: «Un bambino vede la faccia di sua madre, e la vede in modo completamente diverso da come la vedono gli altri. Non sto parlando dell’anima della madre, ma dei tratti, dell’intera faccia; il bambino la vede molto da vicino, è un faccia grande per gli occhi di un piccino, il bambino per un po’ vede solo una parte della faccia della madre, conosce un tratto e non l’altro: alla sua maniera, Picasso conosce le facce come un bambino, conosce le facce, la testa, il corpo… Ognuno è abituato a completare l’insieme con quello che sa: ma Picasso quando vedeva un occhio, l’altro non esisteva più, per lui esisteva solo quello che vedeva…».

Non è un caso che la curatrice della mostra, Anne Baldassarri (direttrice nel museo parigino), nel preparare chi avrebbe fatto da guida, abbia citato proprio questa pagina per spiegare fuori dai soliti stereotipi quella fase cruciale della storia di Picasso. Un genio curioso di tutto come lo è un bambino. Un genio vorace di realtà, che aveva la baldanza del semplificatore nell’era tristissima delle complessità. Forse per questo, consciamente o no, c’era così tanta voglia di Picasso in questi mesi a Milano.

 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.