BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Karol Wojtyla, la patria e gli errori dei cattolici

Pubblicazione:

Karol Wojtyla quando era ancora cardinale (Infophoto)  Karol Wojtyla quando era ancora cardinale (Infophoto)

Di fronte a questa Europa, Giovanni Paolo II, con il suo richiamo alla necessità dei legami e della comunità sociale e, più specificamente, al tema delle radici, può forse sembrare uno sconfitto, se ci si ferma alle decisioni dei "vertici", cioè dell'apparato "super-statale" europeo. Ma Giovanni Paolo II non ha mai voluto fermarsi alla semplice lamentela nei confronti di questo apparato − così simile, nella sua astrattezza ideologica, a quello che per decenni aveva cercato di annientare la sua patria −  preferendo riaffermare, con le parole e con l'azione, l'ordine naturale delle cose: i legami, le radici, la storia, che vengono prima delle forme statuali e giudicano queste ultime. Giovanni Paolo II ha aperto una sfida che, come ricorda nella conclusione l'autore, è oggi più che mai aperta e coinvolge e interpella ciascuno di noi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
10/11/2013 - commento (francesco taddei)

il mondialismo è il pilastro che fonda oggi l'europa: la cancellazione dei legami interni dei popoli per fondere tutti in un relativismo senza legami. la comunità come insieme di uomini legati da parentela, storia, terra e cultura va difesa! e questo non significa oppressione. riguardiamoci cosa dice il catechismo sull'accoglienza: non è senza condizioni. la cittadinanza è un percorso. quando il santo padre esprimeva i suoi pensieri pensava a popoli che uscivano da un periodo tragico in cui si sono combattuti. oggi i popoli sono attaccati per essere annullati. e poi c'è una retorica troppo mondialista e piagnona nei cattolici italiani. chi difende la comunità (in modo analogo a come fanno gli altri paesi) viene chiamato estremista e non va preso in considerazione, anche dai prelati, invece di domandarsi quali sono le esigenze che li muovono. c'è una sola nazione in italia e non è italiana: gli abitanti dalla provincia di bolzano.