BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEWIS/ Un figlio dell'Irlanda che ci fa vedere al di là dei sogni

Pubblicazione:

Clive Staples Lewis (1898-1963) (Immagine d'archivio)  Clive Staples Lewis (1898-1963) (Immagine d'archivio)

La speranza di Lewis si incontrò con quella di un altro uomo, il sacerdote veronese don Giovanni Calabria, che aveva letto uno dei suoi libri di maggior successo, Le lettere di Berlicche, e che gli aveva scritto per manifestargli il suo stupore e la sua ammirazione per quel piccolo libro che con intelligenza e umorismo parlava del mistero del male che agisce nel mondo. Ne nacque una lunga amicizia epistolare che unì, in un filo spirituale ideale ma allo stesso tempo concretissimo, Verona e Oxford.

In occasione dei 50 anni della morte del grande scrittore, Verona intende dunque ricordare questo grande scrittore, questo maestro del '900, attraverso un Convegno che vedrà per protagonisti gli studiosi che nel nostro paese hanno fatto conoscere il pensiero e l'opera di Lewis: don Luciano Squizzato, curatore dell'epistolario tra Lewis e san Giovanni Calabria; l'anglista Nancy Antonazzo, l'esperta di letteratura fantasy Roberta Tosi, e infine Paolo Gulisano, studioso della cultura britannica, autore di saggi sui suoi principali esponenti, da Tolkien a Chesterton passando da Lewis del quale è il primo biografo italiano.

Il convegno, organizzato dall'Associazione Romano Guardini in collaborazione con l'Opera don Calabria e il Comune di Verona, si svolgerà venerdì 22 novembre a Verona presso l'Auditorium dell'Opera don Calabria con inizio alle ore 17.30.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.