BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cultura

IL CASO/ Magatti: il federalismo è cattolico, non ha nulla di leghista

Viene presentato oggi a Roma il Manifesto per una revisione costituzionale, sottoscritto da Raffaele Bonanni, Luca Antonini, Lodovico Festa, Mauro Magatti, Antonio Pilati, Stefano Zecchi

InfoPhotoInfoPhoto

«Non c’è una semplice crisi politica, siamo di fronte a una crisi generale della Repubblica». A dirlo è il Manifesto per una revisione costituzionale, sottoscritto da Raffaele Bonanni, Luca Antonini, Lodovico Festa, Mauro Magatti, Antonio Pilati, Stefano Zecchi che sarà presentato oggi al Senato. Occorre subito, secondo i firmatari, rimettere mano ad una seria riforma federale dello Stato, ispirandosi, dopo vent’anni di manovre inconcludenti e di riforme fallite, a quello che i costituenti fecero nel ’47. «Siamo in una stagione di emergenza dal punto di vista delle riforme istituzionali» dice il sociologo Mauro Magatti a ilsussidiario.net. «Il momento elettorale pone alle forze politiche l’esigenza di lavorare insieme per un assetto istituzionale adeguato e gestibile».


Perché il federalismo come lo abbiamo conosciuto fin qui ha fallito?
La risposta ha a che fare con il fatto che il federalismo si è imposto nel dibattito degli ultimi decenni con una valenza antinazionale. Invece di esprimere l’autentica tradizione culturale dalla quale proviene, che è quella cattolica, orientata all’unità, è stato usato per dividere. Questo equivoco ha nuociuto a tutta la vicenda del federalismo per come ne abbiamo sentito parlare negli ultimi vent’anni. Oggi abbiamo bisogno di un federalismo vero e funzionante. Non solo in Italia, ma anche in Europa.

Dunque il caos che si è prodotto nell’assetto istituzionale è il segno che abbiamo preso la strada sbagliata.
Certamente. Il federalismo è stato fatto oggetto di lotta politica invece che di condivisione prospettica. Confusione delle competenze, moltiplicazione delle sedi di governo e dei centri di spesa, senza che i criteri di valutazione di questi centri di spesa venissero mai attuati, hanno prodotto deresponsabilità e malgoverno. Il risultato sono stati le derive localistiche e l’uso clientelare della spesa pubblica. Il contrario di ciò che si voleva ottenere.

Dove nascono i problemi?
Nella radice culturale cattolica dell’Italia è storicamente sedimentata una visione autonomista e federalista del Paese. Tuttavia nella seconda Repubblica il tema del federalismo è stato usato in contrapposizione all’esperienza storica di governo democratico-cristiana, ed è stato prevalentemente cavalcato da forze politiche che definirei a-cattoliche ed estranee a quella radice culturale. Il tema dell’autonomismo non è leghista, è sturziano.

La Lega, dunque.
No è un caso che la Lega sia radicata nelle aree subalpine del nord e del centro, a forte presenza di cultura cattolica. L’abilità della Lega è stata quella di fuorviare il federalismo dall’alveo della tradizione culturale cattolica, essenzialmente unitiva, e di usarlo in chiave divisiva. I suoi alleati politici non hanno mai discusso questa impostazione, l’hanno assecondata.

E la sinistra?


COMMENTI
06/02/2013 - commento (francesco taddei)

occorrerebbe introdurre delle novità nel panorama politico italiano, tipo concetti di nazione, comunità, storia e tradizione, identità, europa delle nazioni, autodeterminazione, integrazione condizionata ad un percorso formativo. Tutte cose che nelle valli alpine sono radicate e che il cattolicesimo de noantri non conosce. poi un consiglio: per un federalismo italiano invece che a formigoni, rivolgersi a bortolussi.