BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ERMANNO OLMI/ La lettera: senza il clero miserabile che lui accusa, non avremmo Cristo

Pubblicazione:

Ermanno Olmi (InfoPhoto)  Ermanno Olmi (InfoPhoto)

Abbiamo la pretesa di sapere cosa cercare e siamo liberi di farlo: ma tale libertà è il primo dono che Dio ci ha fatto. La libertà: che dono prezioso, ambiguo, responsabilizzante. Da soli non sappiamo proprio usarlo: anche Adamo, che poteva contemplare il Volto di Dio ogni giorno, ha scelto altro, ha pensato che Lui gli mentisse, che il Suo Amore non fosse poi così sincero. La libertà, argomento molto amato da don Giussani che afferma: “La Chiesa, dunque, non ha come compito diretto il fornire all’uomo la soluzione dei problemi”... “La funzione che essa dichiara sua nella storia è  l’educazione al senso religioso dell’umanità, il richiamo a un giusto atteggiamento dell’uomo di fronte al reale. La gamma dei problemi umani non potrebbe essere sottratta alla libertà e alla creatività dell’uomo, quasi che la Chiesa dovesse dar loro una soluzione già confezionata, perché in questo modo essa verrebbe meno al suo primigenio atteggiamento educativo e toglierebbe valore [al] tempo”.

Dici che siamo una Chiesa rimasta indietro: ma il peccato non è sempre lo stesso, da sempre e per sempre?

E la promessa della Salvezza è per sempre.

Ci chiedi un rinnovamento? E cosa ha fatto il buon Benedetto con il suo gesto di dimissioni, il Grande Esempio per i nostri governanti, gesto così rivoluzionario, ha spalancato la porta allo Spirito Santo che venga a rinnovare addirittura il Capo della Chiesa.

Dici che la “Chiesa” ha dimenticato Gesù? Ma ricordi lo slogan di Giovanni Paolo II?: “Aprite le porte a Cristo!” E Benedetto ha pubblicato tre bellissimi libri su Gesù, il terzo addirittura sulla sua infanzia: il Gesù Bambino che ogni madre ha riconosciuto...

Cerchi il colle delle beatitudini? 

Beh, è lì, dove il nostro Papa Emerito lo ha collocato, nel primo volume del Gesù di Nazareth da pagina 93 a pagina 125; in molti lo hanno trovato.

A volte seguire il capo della Chiesa ha i suoi vantaggi.

Un abbraccio affettuoso,
Maddalena



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
06/03/2013 - Nessuno stupore, (Dessì Giovanni)

Olmi non ha lo Spirito Santo. Secondo Agostino, l'amore alla Chiesa è direttamente proporzionale all'effusione dello Spirito Santo. E io concordo perchè l'ho sperimentato. Da giovanissimo anch'io avevo l'atteggiamento di Olmi. Dopo aver incontrato Gesù, invece, da un giorno all'altro, mi sono innamorato della Chiesa: se avessi potuto avrei abbracciato perfino Alessandro VI! Ricordo le mie prime S. Messe da neo-convertito: nella processione alla comunione ammiravo la bellezza della Chiesa che si unisce al Suo Signore. Quando lessi Agostino - "Siamo convinti, o fratelli, che uno possiede lo Spirito Santo nella misura in cui ama la Chiesa di Cristo. ..Abbiamo dunque lo Spirito Santo se amiamo la Chiesa; e amiamo la Chiesa se rimaniamo nella sua unità e nella sua carità" (In Evang. Jo. 32,8)." capì che la presenza dello Spirito Santo in me era un fatto reale. Ricordate: quando sentite qualcuno parlare male della Chiesa, pregate per lui chiedendo che lo Spirito che ha ricevuto si effonda.

 
06/03/2013 - che tristezza... (Michela Scotti)

..il solito trito anticlericalismo! Cristo senza Chiesa, è Cristo senza carne. A me è subito venuto in mente quel miserabile peccatore di Pietro.

 
06/03/2013 - i preti, la più geniale creazione di Cristo (Claudio Baleani)

Chi critica i preti vuol dire che non ha mai avuto bisogno, che è autosufficiente e che non ha mai veramente dovuto dire addio a una persona che ha amato. Chi critica i preti significa che non ha idea del mare di solitudine e deserto che ha creato la riforma protestante. Chi critica i preti non capisce la vera genialità di Cristo che li ha pensati e voluti.