BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ La cattiva Resistenza spiega in 5 mosse tutti i mali dell'Italia di oggi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

L’ultimo lavoro di Sergio Luzzatto “Partigia: una storia della resistenza” ha un merito innegabile: quello di dedicare trecento pagine alla morte di due ragazzi sfortunati, incappati in una Storia immensa quanto mostruosa e omicida. Moltiplichiamo questi due drammi per decine e decine di milioni e avremo un quadro vertiginoso quanto approssimativo di quella che fu la Seconda guerra mondiale. La tragedia di quei due ragazzi ebbe un testimone d’eccezione: quel Primo Levi che, scampato alla Shoah, sarebbe divenuto uno dei principali testimoni del suo tempo. 

Ora, ciò che sorprende, paradossalmente, non è tanto l’opera quanto i commenti che sono stati fatti: a parte quelli laici e indagatori, come per Paolo Mieli, sorprende l’imbarazzo e il pudore di altri commentatori, quasi restii ad ammettere che i partigiani potessero uccidere senza dare troppe garanzie di difesa ai condannati. Ammettere che, nella Resistenza, vi furono numerosi episodi di brigantaggio e di brutalità sembra scatenare una reazione da cane di Pavlov: squilla la campanellina della lesa Resistenza e parte la difesa dei valori dell’antifascismo. Paradossalmente, questi giornalisti e studiosi sono disposti ad ammettere l’esistenza di crimini e menzogne nella storia della Resistenza ma si affannano a negare, celare, ridurre i casi particolari che vengono messi loro davanti, per non deturpare il mito. Sarebbe ora di ammettere che si tratta di sacerdoti di una religione laica, farisei che - parafrasando il vangelo di Matteo - chiudono le porte della Storia agli uomini; “perché così voi non entrate e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci” (Mt 23,13). 

Il paradosso della storiografia dominante è quello di aver distrutto la Resistenza come elemento fondante della repubblica e basterà un Sillabo di pochi punti per comprendere la perversità di una occupazione militare della Storia moderna che dura da settant’anni.

1. La Resistenza coincide con l’antifascismo. Falso. La Resistenza è, fin dalla sera dell’8 settembre 1943, quando il tenente Rosso si fa saltare in aria a Monterosi insieme a un colonna corazzata tedesca, volontà di non cedere le armi a un alleato che, negli anni di guerra, veniva sopportato sempre meno e nei confronti del quale era stata nutrita per un secolo un’inimicizia atavica, dalla battaglia di Legnano fino a quella del Piave. Poiché i fascisti erano alleati dei tedeschi, i partigiani combatterono anche contro di essi ma è bene ricordare che in un mese di combattimenti, dall’8 settembre a tutto ottobre 1943, 20mila soldati italiani caddero in combattimento. Fateci caso il prossimo 25 aprile: la parola d’ordine sarà quella dell’antifascismo, non della lotta contro lo straniero occupante che depredava il nostro paese, quasi che i fascisti fossero il bersaglio principale di quella guerra e non quello più facile da colpire, come in effetti era.



  PAG. SUCC. >