BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Il fallimenti della politica e la violenza contro la Storia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Il fatto che in queste ore stia davvero prendendo forma un nuovo governo non cambia lo stato di stordimento in cui si trova la politica italiana dopo la scorsa settimana. L'elezione del Capo dello Stato, il grillismo, la lettera di Renzi a Repubblica sul ruolo dei cattolici in politica non solo sono tutt'altro che brutti ricordi ma, presi da vicino, assomigliano molto alle crisi che attraversano i legami della nostra vita, ai sentimenti di protesta che spesso ci animano e alle domande sul senso stesso della nostra esistenza.

In questo stato di cose viene da chiedersi come sia possibile che le persone, esseri dotati di intelligenza e di cuore, capaci di costruire il Bene, non riescano, né individualmente né come popolo, ad uscire dai momenti difficili con autenticità e maturità. Come si può dare uno spettacolo così desolante come quello dei giorni scorsi? La risposta non si trova in un ragionamento astratto, ma dentro l'esperienza. Se ciò che permette ad un bambino di affrontare con serietà le circostanze della vita è il legame con i propri genitori, così ciò che permette ad ognuno di noi di affrontare nella posizione adeguata i problemi dell'esistenza, e alla politica quelli del paese, è il rapporto con un Tu, è - per dirla in parole povere - una pienezza affettiva.

Senza una Storia che proponga un senso alla nostra storia, che riempia di positività il nostro quotidiano, non c'è possibilità di affrontare i fatti che accadono da uomini adulti, ma solo di procedere "come a tentoni". È il rapporto con un Tu che precede ciò che permette di vivere con forza e originalità il presente. Il vero problema culturale del nostro tempo, quindi, è il rapporto con ciò che ci ha generato e che oggi ci permette di essere quello che siamo. Anche in psicologia, infatti, una persona è giudicata matura nel momento in cui manifesta una coscienza coerente della propria storia e della propria personalità.

Il rifiuto del proprio passato, così come lo vediamo configurarsi nel nostro popolo, è pertanto la premessa di ogni fallimento umano e affettivo. Quando per vivere si tagliano dei rapporti o delle relazioni, il problema non è mai nel rapporto o nella relazione, bensì nel soggetto che taglia. Per questo il grillismo è un fenomeno culturalmente preoccupante: non per le istanze rivoluzionarie che porta, ma per questo atteggiamento anti-storico che lo contraddistingue.



  PAG. SUCC. >