BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MADONNA DI FATIMA/ Qual è il "genio" del rosario?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Quasi sempre inizio la mia giornata recitando il rosario in ginocchio. Col procedere delle decine, il cuore si fa più leggero. Offro a Maria tutte le incombenze della giornata, tutte le persone che dovrò incontrare, di cui magari non conosco ancora il volto. Chiedo a Maria che il fuoco del suo amore dilati il mio cuore, perché in esso ci sia uno spazio per tutti coloro che mi sarà dato conoscere. Il rosario è una grande compagnia anche perché lo possiamo recitare in macchina, in treno e in aereo, in ginocchio, in poltrona e camminando per strada, di giorno e di notte. 

Durante la preghiera nascono in noi i pensieri più diversi. Tutti sono occasione di rapporto col Signore. Se sono pensieri buoni, perché il Signore li porti a compimento. Se sono pensieri cattivi, perché il Signore li scacci. Se è il ricordo di persone che amiamo, perché il Signore le custodisca e le protegga. Se è il ricordo di persone che ci hanno fatto del male, perché il Signore estirpi dal nostro cuore il risentimento e ci dia la forza di perdonare. Se è la preoccupazione per cose che dobbiamo fare, perché il Signore ci doni la forza di compiere ciò che ci comanda. Se sono consolazioni spirituali, ringraziamo di poter cominciare a gustare Dio già su questa terra. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.