BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SUICIDIO NOTRE DAME/ Abbruzzese: una protesta contro l'islam che ignora la Resurrezione

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Suicidi come quello di Dominique Venner vogliono essere un atto simbolico che aspira ad avere un significato nettamente politico. Ciò che colpisce oltre alla violenza estrema verso di sé è la scelta del luogo. In qualche modo Venner ha usato la cattedrale di Notre-Dame di Parigi in senso secolare, in quanto l’ha ridotta alla sua pura cornice simbolica. Alla cattedrale, concepita come un epicentro mediatico, ha fatto ricorso per dare ulteriore risalto al suo gesto, ignorando così il cuore della Resurrezione. Paradossalmente è proprio quest’oblio di Dio che da la misura della sua disperazione reale. 

Nella disperazione di Venner, per quello che si può leggere, c’è tanto il problema dell’approvazione delle nozze gay quanto quello di un’islamizzazione della Francia contemporanea. L’idea di un paese che non somigli più a se stesso ma evolva verso lidi e forme che – comunque se ne dica – sono in decisa contrapposizione rispetto a quelle storicamente e tradizionalmente prevalenti è stato percepito da Venner come un rischio intollerabile. Per tale strada l’islamizzazione da un lato e il matrimonio tra coppie gay con il conseguente diritto all’adozione dall’altro gli appaiono come due facce della stessa medaglia.

La Francia è un paese il cui capitale sociale – per usare un termine oggi particolarmente in auge – risiede nella propria struttura nazionale. Nazione, identità nazionale, storia nazionale, cultura nazionale sono in Francia valori profondamente diffusi e estremamente condivisi. Si stanno così confrontando due opposte letture, due diverse interpretazioni della realtà. La prima, quella perseguita dal governo Hollande, tende a de-enfatizzare il problema, denunciando l’esistenza di una psicosi ossessiva verso un pericolo – quello dell’islamizzazione – che non esiste in quanto tutto è perfettamente e interamente controllato dallo Stato laico. La seconda, quella che invece tende ad emergere nell’opposizione di centro destra, tende a vedere il rischio di una compagine islamica sempre più potente come un pericolo assolutamente reale e palpabile. 

Un problema analogo si cela dietro il problema delle nozze gay. In Francia la strategia del fronte pro choice è coscientemente riduzionista. La rappresentazione del mariage pour tous consente di rubricare il tema dell’unione tra gay a diritto di uguaglianza, concedendo alle coppie omosessuali gli stessi diritti e le stesse opportunità delle coppie eterosessuali. Negare un tale diritto è, a suo avviso, negare l’uguaglianza dei cittadini dinanzi alla legge, mantenendo una disparità di trattamento dietro la quale si cela, in modo manifesto, una squalifica oggettiva del rapporto tra due persone dello stesso sesso, rubricato ad una sorta di relazione minore.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
22/05/2013 - Protestare in vita è meglio (claudia mazzola)

Ci vuole audacia ad uccidersi, quell'uomo non aveva più voglia di vivere e lo avrebbe fatto ugualmente. Un'amica di 78 anni mi dice non vede l'ora di morire perché non ce la fa più, ma che la tengono in vita sono gli affetti cari e la fede. A Venner mancava questo.

 
22/05/2013 - il suicidio è una debolezza (Yapi Cyriaque Deki)

Chi crede di dare un segnale suicidandosi fugge definitivamente per la mancanza di coraggio a vivere i problemi e dare un contributo alle soluzioni. Il silenzio, l'indifferenza o addirittura il suicidio favoriscono i fenomeni negativi perché tolgono fisicamente un anima al già residuo numero di persone che lottano per trovare soluzioni ai problemi della società. Il mondo secondo la Genesi è stato creato con la parola e non col silenzio, ed è con essa che si affrontano se si è capaci le problematiche di questa vita. La morte di quel signore non farà cambiare ideologia ai gay, ma forse la sua vita avrebbe nel tempo aggiunto qualcuno in più a chi finisce col capire, e farsi si che ciò se è giusto continui o se ingiusto venga cancellato dalla stessa società con azioni mirati e con esempi positivi dei più osservati della terra.