BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Quel Buzzati "oscuro" che implora la grazia

Pubblicazione:

Dino Buzzati (1906-1972) (Immagine d'archivio)  Dino Buzzati (1906-1972) (Immagine d'archivio)

Siamo in grado di dire che il nostro verso ci permette di «intenderci al volo», ovvero che è in grado di dire l’umano? L’invenzione poetica non nasce da un ragionamento precostituito, non richiede un’intelligenza fuori dalla norma, e nemmeno una cultura particolarmente approfondita. La grazia – termine di radice cristiana – coincide con l’ispirazione: Buzzati comprende perfettamente il senso in cui gli antichi parlavano della musa. Essi «si esprimevano forse in forma un po’ troppo simbolisticamente mitologica», ma avevano percepito esattamente quali siano le forze in gioco. Grazia come «intervento estraneo, che non dipende da noi», segno di una predilezione che risponde a parametri inconoscibili e imprevedibili. Sembra quasi che la poesia sia ispirata dalla Provvidenza: il senso religioso dell’ateo Buzzati aveva colpito anche Montale, che parlava di lui come di un autore «cristiano naturaliter, pagano come tutti gli artisti». Perché esista la poesia è dunque condizione necessaria una grazia non equamente distribuita: «ci sono infatti degli scrittori che hanno tutte le doti possibili e immaginabili ma non sono toccati dalla grazia della poesia».

Come è imprevedibile l’elargizione della grazia della poesia, così è imprevedibile la poesia stessa, che, di natura, propone il più delle volte un “volo pindarico”. Con tale espressione Buzzati intende «la caratteristica dei veri poeti, i quali evocano […] una pianta in un giardino, e di colpo volano all’amico morto in battaglia […]».

Con questa tensione inchiodata dentro, Dino Buzzati scrive versi ironici, fatali, struggenti o  piuttosto non li scrive. Il capitano Pic, protagonista dell’omonimo poemetto, è un Giovanni Drogo in versi: anche lui, militare ligio al regolamento, è costretto a perlustrare un deserto vuoto di senso, quell’esistenza schiava di uno statuto autoimposto che non lascia spazio alla vera scoperta, al disvelamento di un mistero inquieto che rischia di diventare inquietante, un regolamento che «[…] non dice / le cose dolci della vita / le sere fantastiche della città / di colle in colle innalzantesi / muraglie di avventure e di amori / bianchi rosa o viola i palazzi / in sconfinati grovigli con la potenza / delle rupi e / l’animo trema / con dentro la mano del fato. / Dove non dice lo sguardo di lei / voltandosi con l’ardente peso / di quelle labbra […]». 

Il cristianesimo naturale di Buzzati riconosciuto da Montale trova nel suolo scottante e dissestato della poesia un arsenale necessario alla battaglia di fede che in lui mai si è sopita, nemmeno dinanzi alla morte: «Dio che non esisti ti prego / che almeno su questa grande nave / che mi porta via / le cabine siano…siano ben areate […] // Ma se non esiste, perché lo preghi? // Non esiste fintantoché io non ci credo / finché continuo a vivere come viviamo tutti / desiderando desiderando / ma se io lo chiamo… // Troppo tardi… // Per la forza terribile dell’anima mia / forse vile, trascurabile in sé / però anima nella piena portata del termine, / se io lo chiamo verrà».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.