BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MACHIAVELLI/ Il miglior antidoto all'utopia?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Nei decenni successivi Machiavelli, messo all’Indice, è considerato pressoché un discepolo del diavolo: la sua provocazione viene riconosciuta nel suo carattere inaudito. E tuttavia anche negli autori nominalmente più ostili le sue tracce sono leggibili. Nessuno è immune: gli scrittori della Controriforma racchiudono un machiavellismo implicito, utilizzato in un senso che si vuole cristiano (si pensi ai teorici gesuiti). Inizia una storia di riscritture, plagi, censure, apocrifi, che per almeno un paio di secoli sarà un capitolo rilevantissimo della grande trasformazione del paesaggio culturale europeo, verso la modernità.

Insomma Machiavelli segna in profondità perché si apre da lui una linea di frattura tra ideale e reale che è probabilmente deplorevole, ma resta ineludibile. A dir vero oggi questa dicotomia ha esiti sconfortanti. Il cinismo contemporaneo non è nutrito di saggezza umanistica ma di mediocre carrierismo o di nichilismo pratico. La reazione contrapposta è la valorizzazione illusoria dell’utopia, che prende forme solo apparentemente rinnovate (dalla decrescita felice alla mitologia della tecnica, per fare due esempi contrapposti ma entrambi chimerici). Dopo cinque secoli siamo ancora entro questa dialettica – solo ad un livello incomparabilmente più basso rispetto alla geniale provocazione originaria. 

In ogni caso Machiavelli resta sempre un utilissimo antidoto proprio nei confronti delle ubriacature utopiche, anche se non si accetta la sua prospettiva di fondo. Questa è la segreta matrice della fascinazione che anche gli scrittori cattolici avvertono: quello di Machiavelli è un uomo cristiano almeno nel senso che è un uomo dopo la caduta, fatto di un irrimediabile legno storto, anche se decisamente troppo lontano dalla grazia. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.