BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ISLAM/ Barcellona: solo l'affetto di papa Francesco può "reinventare" il Mare nostrum

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

La scelta di Papa Francesco di recarsi a Lampedusa, a piangere i morti, come ha annunciato poco prima il suo segretario, ha avuto un enorme valore simbolico, sociale e politico. Il Papa ha scelto di piangere i morti nell'"isola ove approdano gli Ahmed dagli occhi neri, le Dalila dai denti smaglianti e gli Alì dagli occhi azzurri, per dirla con la profezia di Pasolini. Quando riescono ad approdare, quando non vanno a raggiungere i quasi 20mila – bambini compresi – che nel corso degli ultimi venticinque anni hanno abbandonato le loro spoglie agli abissi del Mare Nostrum", come ci ricorda Annamaria Rivera, autorevole studiosa di migrazioni e del mondo arabo.

In quegli stessi giorni, ancora una volta, i luoghi della cosiddetta primavera sono tornati nuovamente in fiamme, e le misure della partecipazione ad un sommovimento che sta percorrendo l'intero Nord Africa sono enormi. Se, tuttavia, emergono significati creativi e nuove prospettive per le diverse realtà di quell'area, vi è un punto oscuro, piazzato nel cuore del deserto e pronto a esplodere ad ogni momento. È  lì, in questa crepa del tempo, che si annida da sempre la vecchia maledizione della logica amico-nemico; è proprio questa insuperabile ambivalenza che destabilizza continuamente le potenzialità di libertà e costruzione di un nuovo ordine. 

Le proporzioni del fenomeno reclamano un allargamento della prospettiva rispetto a quelle, riduttive, delle questioni interne ai vari stati del Nord Africa. È penoso che i commentatori si accorgano solo in queste situazioni dell'enorme rilevanza politico-strategica che il Mediterraneo ha non solo per il nostro Paese ma per l'intero Occidente; è penosa la totale incapacità degli osservatori internazionali di comprendere l'ira popolare che cova, per poi esplodere in insurrezioni e rivolte. 

Già nell'antichità, assai meno lontana di quanto sembri, Socrate affermava che il Mediterraneo è un lago che coinvolge nello stesso destino i popoli che vi sia affacciano. Negli ultimi decenni, nonostante la retorica della centralità del Mediterraneo, l'Italia e gli altri Paesi europei per miserabili calcoli economici hanno continuato ad appoggiare i regimi autoritari; la mancanza di una politica europea, il marcire nelle tattiche strumentali nella tormentata terra in cui arabi e israeliani si guardano a vista, la complicità dell'Occidente nel disastro umano, politico e sociale, sono frutto di una visione opportunistica che, nonostante i proclami sui diritti umani, ha preferito seguire sempre la via degli interessi legati alle grandi risorse petrolifere della zona. Dopo l'11 settembre, anziché un mutamento di strategia politica verso il Medio oriente, ha avuto inizio una guerra senza fine in alcuni punti nevralgici, come l'Afghanistan e l'Iraq, e si è alimentata una cultura anti-araba, mentre sottobanco si continuavano a gestire gli affari nell'assoluta indifferenza verso il destino delle popolazioni africane e verso l'intero Medio oriente; la grande questione del conflitto fra Palestina e Israele si è lasciata incancrenire senza riuscire a creare le condizioni vere per una "pace duratura". 



  PAG. SUCC. >