BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LETTURE/ La storia di un bambino smonta l'ipocrisia di adulti incapaci di educare

"Opera d'arco" di Tony Saccucci squarcia l'ipocrisia di adulti mal cresciuti, incapaci di educare ed amare. Un protagonista, Rocchetto, che ci ricorda Pavese, Pasolini, Calvino. MONICA MONDO

InfoPhoto InfoPhoto

Come si racconta la perdita dell'innocenza, senza credere che l'uomo sia innocente. Come si può indulgere alla nostalgia dell'infanzia senza credere che sia solo un tempo di spensieratezza e gioco. Opera d'arco (Edizioni Estemporanee, Roma, 2013) sta sulle tracce di una Via Pal quasi contemporanea, se ci è ancora contemporanea l'Italia appena uscita dagli anni del boom, ma che nascondeva, negli anfratti delle sue province, una quotidinianità sottomessa a riti ancestrali, all'andirivieni tra parrocchia e osteria. Dove si cresceva ancora poveri come i padri e i nonni, con le scarpe e le mani grosse, abituate a piegare rami di sambuco e tirare il colo alle galline, la pelle ruvida, usa ai bagni nel fiume e all'erba che punge tra le fibre di stoffa grezza. 

Si cresceva per bande, con un capo non scelto, ma che ti sceglie: solo qualche centimetro in più, ma il cipiglio e la strafottenza del comando. Un capo che ti fa salire nella capanna sulla grande quercia, dove si procede all'iniziazione col patto di sangue; che ti insegna a costruire e tirare arco e fionda, ti svela i recessi proibiti della trasgressione, il sapore perturbante del peccato. Si cresce così, tra Tonino Occhio di Falco e i sermoni severi del prete, incerti quale legge osservare, perché in una perduta montagna d'Abruzzo alle volte la legge di Dio non arriva, ma quella del branco è sacra. 

Rocchetto è l'innocente tradito, un bambino senza ancora fattezze e pruriti dell'adolescenza, che segue la banda, il suo io, quando ha un padre ubriacone e una madre bigotta che scopre di facili costumi e con l'unico padre che abbia mai avuto, quello che gli parlava di Dio, il prete. Rocchetto ha un innato senso della giustizia e il coraggio istintivo della sua età: piccolo inconsapevole Ulisse, ha imparato a usare l'arco, lo tende per colpire e punire quel maestro cui aveva dato tutto, le confessioni più segrete, la fiducia in una salvezza possibile (e chi scandalizza uno di questi piccoli, è meglio per lui che gli si getti una macina d'asino al collo). 

Punisce nel sacerdote indegno il mondo intero intramato di soprusi, violenza, ubriacature di vino spesso e sessualità bestiale, dove non c'è più parola che salva. Anche il dialetto in cui grugniscono i compagni è duro, di scorza, non concede tenerezze. È però il segno della terra che ti ha formato, l'odore dei suoi umori e del sudore di uomini e bestie. Non è facile tirarlo fuori dalle viscere, non come un vezzo letterario, ma per tracciare la commedia umana racchiusa in un paesino abruzzese.