BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GLI ANNI SPEZZATI/ Da Mario Sossi a Moro, dietro le Br c'erano Urss e Stati Uniti

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Mario Sossi (Immagine d'archivio)  Mario Sossi (Immagine d'archivio)

No, perché la situazione, tra il 1972 (assassinio di Calabresi), il 1974 (rapimento Sossi) e tanto più il 1976 (massacro di Coco e della sua scorta) era profondamente mutata. Intanto, l'omicidio Calabresi fu compiuto da Lotta continua, struttura estremista sicuramente inadeguata a lanciare una sfida allo Stato come quella che vide invece protagoniste le Brigate rosse. I rapitori di Sossi (Renato Curcio, Alberto Franceschini, Pietro Bertolazzi, Mario Moretti rappresentavano il vertice della struttura) erano sicuramente più preparati alle azioni violente anche di massa. Avevano sicuramente usufruito di un addestramento di tipo militare, che si manifesterà in tutta la sua pericolosità durante l'operazione-vendetta contro il dottor Francesco Coco e, ancor più, tre anni dopo con l'agguato e l'uccisione di Aldo Moro e della sua scorta. È la riprova che, alle loro spalle, agivano agenti di alta "professionalità" inviati dalle due superpotenze che non intendevano rinunciare al controllo della penisola. Leggi Usa e Urss.

 

(Lorenzo Torrisi)




© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
15/01/2014 - E... (luciano dario lupano)

E i sigg. comunisti, i nipotini sono ancora peggio, hanno condannato con fermezza non chiacchierante o sotto sotto speravano che finalmente si realizzasse l'agognato Sole dell'Avvenire socialista?