BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Mazzarella: CL è più grande della "provincia" di Galli della Loggia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Julián Carrón, presidente di Cl (Infophoto)  Julián Carrón, presidente di Cl (Infophoto)

Le riflessioni (editoriale del Corriere della Sera di ieri, 16 gennaio) di Ernesto Galli della Loggia sul "destino parallelo" di declino di tutto ciò che è italiano nel mondo, e della Chiesa italiana come suo ruolo nella Chiesa di Roma, alla luce delle recenti nomine cardinalizie di Papa Francesco, colgono certamente un nodo del "sistema Paese". 

Non so, però, se lo sciolgono in modo adeguato. Sia chiaro: un elemento routinario e burocratico della Chiesa "istituzione" in Italia, il farsi bastare il rispetto del conformismo sociale, più che l'adesione ai valori del magistero, una certa inazione nel confronto intellettuale a tutto campo, lo "scisma silenzioso" della Chiesa di base, la crisi di leadership per un eccesso di allineamento alla vicenda politica del Paese, sono tutte cose che la vita della Chiesa italiana non si è fatta mancare negli ultimi decenni. Ma in verità questa "amministrazione burocratica del sacro", per dirla con Galli, declinazione parassitaria del "carisma" che l'ha messa al mondo e la anima, è una costante della vita della Chiesa, una connaturale, in quanto istituzione, sua tentazione: il "temporalismo" cui ora in maniera greve, ora in maniera trionfante è stata sempre esposta. Per ragioni storiche in Italia più visibile che altrove. 

Ma per restare più vicini agli anni su cui giudica Galli della Loggia, già il Concilio Vaticano II aveva diagnosticato questo "declino" burocratico nei paesi di antica evangelizzazione, e non solo in Italia. La recente istituzionalizzazione ecclesiale del problema della Nuova Evangelizzazione ha origini in quella consapevolezza. D'altro canto contro questa burocratizzazione della Chiesa, anche italiana, ma non solo italiana, il pontificato di Karol Wojtyla s'era fatto carico di "sdoganare", dopo anni di prudenza, i "movimenti", e le nuove comunità. Un punto fermo fu il congresso mondiale dei movimenti convocato da Giovanni Paolo II nel 1998, e culminato nella giornata del 30 maggio in piazza San Pietro. Già in quella piazza davanti agli occhi della Chiesa di Roma c'era sì parecchia Italia, soprattutto con Comunione e liberazione, ma anche molto più che l'Italia, anche con Comunione e liberazione (già diffusa in decine di paesi). Già allora, la dimensione geopoliticamente "mondiale" della "vigna del Signore", la Chiesa universale, era evidente. 

In questa situazione, anche ammesso che la Chiesa italiana fosse stata più "autorevole" di quel che Galli non senza ragione ritiene agli occhi del Papa nella vicenda delle nomine cardinalizie, è opinabile che un Papa che ha necessità di "portare" a Roma quanta più Chiesa del mondo possibile, potesse guardare più di tanto alla Cei. 



  PAG. SUCC. >