BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Le "ultime" crociate e l'impero che ha minacciato l’Europa

Pubblicazione:

Una scena del film "Le crociate" di Ridley Scott (Immagine d'archivio)  Una scena del film "Le crociate" di Ridley Scott (Immagine d'archivio)

Non fu perciò un caso se l'Europa cristiana, indebolita da una crisi di valori e di identità, si sia trovata in seria difficoltà a fronteggiare una realtà politica giovane ed in piena espansione come l'impero turco. 

La storia delle crociate tra fine 1300 e la prima metà del 1400 è, infatti, anche la storia della progressiva ascesa degli ottomani. Sotto la guida di personaggi del calibro di Murad II e di Maometto II, una volta risollevatisi dalla tremenda sconfitta inflitta da Tamerlano nel 1402, essi furono in grado di assurgere al ruolo di potenza a livello globale, acquisendo, con la conquista di Costantinopoli del 1453, la propensione alla creazione di un vasto impero multietnico a vocazione universale. A contrastare le dilaganti armate dei giannizzeri si posero uomini entrati a loro volta nella leggenda, come Giovanni Hunyadi, Giorgio Castriota Scanderbeg o, infine, il governatore della Valacchia Vlad II, il cui figlio avrebbe dato origine alla figura di Dracula.

Attraverso una narrazione che tiene uniti interessi politici e religiosi, rivalità personali e programmi universali, fantapolitica e realpolitik, alleanze e tradimenti, vittorie e sconfitte, Marco Pellegrini ci restituisce un suggestivo affresco nel quale il rigore di pagine dense e ben documentate si unisce al fascino di una storia di tensioni e conflitti da cui è dipeso il destino dell'Occidente moderno. Il lessico e l'idea di crociata continuarono ad esercitare la loro forte presa anche dopo che si era chiusa la stagione delle più "classiche" crociate. La loro tenace persistenza era ormai tanto radicata all'interno della coscienza collettiva europea da riemergere, come un fiume carsico, per molti secoli ancora, raffreddandosi, una volta per tutte, solo di fronte all'avanzata del razionalismo illuminista del Settecento.

(Luigi Robuschi)

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.