BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Urbinati e Marzano, se "laicità positiva" vuol dire attaccare Cl

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

 Certo non alla maggioranza religiosa cattolica (che verrebbe privata del diritto di manifestare pubblicamente ciò in cui crede) e nemmeno allo Stato: è ormai noto che in Italia un alunno della scuola non statale (in grande percentuale cattolica) costa allo Stato di gran lunga meno rispetto a quanto gli costa un alunno della scuola statale. Restano le minoranze: sì, forse il mutismo pubblico cattolico servirebbe alle minoranze, ma, a questo punto, per evitare la tirannia della maggioranza, non saremmo scivolati in quella della minoranza?

Siamo proprio sicuri che la richiesta da parte dello Stato ai cittadini di «non usare la sfera pubblica per attuare o sponsorizzare le loro private o parziali visioni del mondo» sia una richiesta «fin troppo blanda» (pp. 106-107)? 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.