BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ E se rinunciassimo all'unità d'Italia? La "profezia" di Gianfranco Miglio

Pubblicazione:

Centralismo romano (Infophoto)  Centralismo romano (Infophoto)

Il Nord di Miglio, come la Padania vagheggiata dai leghisti, non ha confini e non ha un parlamento. Non così è il Veneto, che dispone di un presidente, di un palazzo del governo e di una sua assemblea rappresentativa. E che nei mesi scorsi ha approvato una legge regionale che istituisce un referendum consultivo sull'indipendenza che l'attuale esecutivo si è subito preoccupato di impugnare dinanzi alla Corte costituzionale. 

Matteo Renzi vuole giocare alla Mariano Rajoy (niente "diritto di voto" per i catalani), e non alla David Cameron. Il referendum scozzese ha però rappresentato uno spartiacque nella storia europea: ha detto che l'unità nazionale di uno Stato dipende dalla volontà, e solo dalla volontà, delle comunità che ne fanno parte.

In qualche modo, anche "retoricamente", Miglio riteneva che l'Italia potesse ancora essere salvata soltanto disfacendola. Oggi le linee di tendenza ci dicono che l'alternativa è tra un'Italia che salva se stessa e condanna gli italiani, oppure un'Italia che si dissolve per dare alle diverse comunità italiane una qualche chance di farcela. E a questo punto c'è da domandarsi in che modo, nei mesi a venire, il potere romano saprà resistere dinanzi a chi chiede di mettere una scheda entro un'urna.

La crisi spagnola in corso, che vede Madrid interpretare logiche neo-franchiste, attesta quanto sia difficile per gli Stati democratici opporsi ai movimenti indipendentisti che chiedono di andare alle urne e far decidere tutto con il voto. Le nostre istituzioni pubbliche sono macchine poderose che sottraggono diritti e risorse (ormai il 50 per cento di quanto viene prodotto) legittimandosi con le procedure elettorali. Renzi può disporre di tanta parte dell'economia e della società italiane perché si sente legittimato dal voto. Ma se il voto è così nobile e potente, come può lo stesso Renzi negarne l'esercizio a quei veneti che vogliono interpellare la popolazione in merito alla scelta tra status quo e una Serenissima 2.0?

Esattamente come quando Miglio scrisse quelle pagine, non è affatto da escludere l'ipotesi che nulla cambi e che il nostro resti il Paese del gattopardismo. Ma l'Europa sta mutando: in Scozia già hanno votato e il 9 novembre catalano (la data fissata per un referendum che la Spagna considera illegale) è ormai alle porte.

L'ipotesi che il Veneto sia l'anello che non tiene è assai seria. Ben poco c'è da aspettarsi dalla Corte costituzionale e dal nostro ceto politico, ma vi sono processi che prendono luogo indipendentemente da queste cose. E talvolta prima di sprofondare nel nulla una società cerca di ripensarsi su basi nuove. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.