BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ E se rinunciassimo all'unità d'Italia? La "profezia" di Gianfranco Miglio

Pubblicazione:

Centralismo romano (Infophoto)  Centralismo romano (Infophoto)

Quindici anni fa, in una fase storica che vedeva il Paese ormai impantanato in logiche politiche incapaci di affrontarne i problemi strutturali dell'economia e della società, ne L'asino di Buridano (ora ripubblicato dall'editore Guerini) Gianfranco Miglio immaginò una sua via d'uscita, essenzialmente basata su una struttura confederale e macro-regionale. L'Italia doveva lasciarsi alle spalle lo Stato nazionale e unitario di costruzione ottocentesca, affidarsi a logiche pattizie più coerenti con una società d'ispirazione democratica e liberale, ridefinirsi attorno ad aree omogenee per storia e struttura produttiva.

Quindici anni sono pochi e sono tanti al tempo stesso. Se l'essenza della riflessione migliana resta valida, qualcosa merita indubbiamente di essere rivisto, aggiornato, ripensato.

Non è in nessun modo realistica, in particolare, l'idea di una "via italiana" (o romana) alla soluzione dei problemi che affliggono il Paese. Innamorato della dimensione anche tecnica e ingegneristica dei dispositivi costituzionali, Miglio ancora 15 anni fa pensava che non fosse da escludere l'ipotesi di una classe politica italiana disposta a suicidarsi nella sua dimensione nazionale per riscoprire una propria vocazione locale. Questa illusione ora non è più ammissibile e non vi sarà mai una riforma delle istituzioni, a Roma, che ponga fine a quel potere romano che vede politici settentrionali e meridionali cooperare con tanta passione.

In secondo luogo, non è realistico prevedere un'Italia che tenga vivi tenui legami confederali, così come non era realistico immaginare che la Lituania o la Georgia potessero stare in una confederazione che avesse al centro la Russia. Se l'Italia perderà la configurazione prefettizia acquisita nel diciannovesimo secolo, al suo posto vi saranno piccole realtà tra loro assai slegate: non mancheranno certo accordi e alleanze (per giunta entro un condiviso quadro europeo), ma difficilmente vi sarà una struttura comune intesa in senso classico.

Certo è impossibile sapere se l'Italia saprà ammettere il fallimento della sua unificazione o invece continuerà a illudersi che sia riformabile anche l'irriformabile. Ma se un giorno l'unità verrà messa in discussione, come giustamente Miglio invitava a fare, quella che ne conseguirà sarà una soluzione di tipo catalano.

Qualche segnale va emergendo. A Trieste, ad esempio, c'è un movimento assai attivo che usa argomenti di diritto internazionale (legati all'amministrazione Onu delle zona A e B, create all'indomani del 1945) per rivendicare il diritto ad amministrarsi da sé: dando vita a un Lussemburgo di taglio adriatico e mitteleuropeo. Nel Tirolo meridionale, inoltre, va riemergendo la voglia di ricollegarsi a Innsbruck ed essere sempre più europei e sempre meno italiani. E spinte centrifughe sono visibili anche in Sardegna, in Lombardia e in altre parti del Paese. Ma la potenziale Catalogna d'Italia è il Veneto.

Miglio immaginava una soluzione confederata basata essenzialmente su tre grandi aree: Nord, Centro e Sud. Le premesse di un anti-Risorgimento vincente, invece, giungono da realtà più piccole e — ciò che è molto importante — dotate di una propria struttura istituzionale. 



  PAG. SUCC. >