BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MURO DI BERLINO/ Dalle due Germanie di Andreotti alla "guerra" di Kohl

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Helmut Kohl (D) e Angela Merkel nel 1991 (Infophoto)  Helmut Kohl (D) e Angela Merkel nel 1991 (Infophoto)

Il secondo, l'imprudenza di Egon Krenz (il braccio destro di Honecker, ndr) che era stato in visita in Cina nei giorni di Tien an men, e aveva dichiarato che se qualcosa di simile fosse successo in Germania, avrebbero saputo dove prendere esempio… Il terzo, ci furono le elezioni amministrative e per la prima volta gli oppositori, ricorrendo allo stratagemma delle schede bianche, misero allo scoperto il fatto che le elezioni erano truccate. Tutti questi elementi avevano creato uno stato di grande agitazione. Senza dimenticare, ovviamente, l'episodio dei rifugiati nell'ambasciata tedesca occidentale di Praga. La DDR fu felice di etichettarli come traditori, i "traditori" non vedevano l'ora di imbarcarsi sui treni che li portavano all'ovest. Fu uno schiaffo per il governo perché dimostrò che si voleva essere espulsi dal proprio paese.

Come spiega il fenomeno della Ostalgie, e il fatto che oggi un partito come Die Linke (erede della SED, il partito comunista di allora) prenda il 20 per cento nei vecchi Laender?
Ognuno dei poliziotti che stavano alla frontiera per ammazzare che cercava di scappare era pagato più un professore universitario, ed erano migliaia. Nella DDR c'era un detto, secondo il quale in un gruppo di tre persone una era certamente una spia… tutti vedevano, riferivano, archiviavano, catalogavano, a volte perfino i figli contro i padri, le mogli contro i mariti. La Stasi era una polizia segreta più numerosa e perfino più efficiente di quella sovietica. Tutto questo gigantesco apparato è rimasto disoccupato, con conseguenze di lungo periodo come quelle che lei ha citato. A mio modo di vedere la Ostalgie ha una base economica; anagrafica ed economica.

Il Muro e la riunificazione fanno ancora parte della memoria storica tedesca attuale?
Me lo auguro. La Germania, culturalmente e spiritualmente, è stata sempre una. Kohl è stato il Bismarck del XX secolo, con una piccola differenza, che Bismarck ha fatto tre guerre per unificare politicamente la Germania, mentre Kohl la guerra l'ha fatta coi soldi. Ma neanche i soldi sarebbero bastati, se non fossero stati al servizio di un profondo desiderio di unità e libertà.

(Federico Ferraù)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.