BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VITA DI GESU'/ Il miracolo raccontato da un pagano? I conti "tornano"

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Dentro gli Archivi Vaticani (Immagine d'archivio)  Dentro gli Archivi Vaticani (Immagine d'archivio)

Il voto sfavorevole del senato poneva automaticamente il Cristianesimo nella situazione di 'culto illecito' (superstitio illecita), e a questa situazione giuridica si appellerà più tardi Nerone, quando darà il via alla prima sanguinosa persecuzione di Cristiani a Roma. Come leggiamo ancora nel commento della Sordi (p. 139), «Il rifiuto del senato di accogliere come lecito il culto di Cristo rendeva i cristiani passibili di accuse per superstitio illicita. Tiberio pose il veto a tali accuse, usando la tribunicia potestas, come aveva fatto nei suoi primissimi anni di governo rispetto alle accuse di lesa maestà, e come farà, secondo Dione Cassio, Nerva (96-98) dopo la persecuzione di Domiziano (81-96)». 

Nel secondo passaggio citato Tertulliano afferma che fu Pilato a comunicare a Tiberio le notizie relative a Cristo. Tertulliano parla però nel primo passo di relata al plurare. Perché non pensare che Tiberio avesse avuto svariate fonti di informazione, e che una di queste, accanto alle relazioni ufficiali provenienti dalle autorità romane della provincia, potesse essere una lettera personale, ma circostanziata dell'amico Velleio? 

La validità della notizia del ritrovamento sembra definitivamente tramontata, ma la sua verosimiglianza era accresciuta anche dal fatto che si integrava bene coi dati storici già noti, e soprattutto con un'altra fonte che proprio per la sua unicità e il suo carattere discusso e marginale difficilmente poteva prestarsi a imitazioni e falsificazioni. Non è da escludere che gli Archivi Vaticani, in cui ancora giace moltissimo materiale da vagliare e approfondire, ci riservino davvero in futuro sorprese di questo genere! In definitiva, in epoca moderna si sono fatte tante scoperte che hanno clamorosamente confermato la veridicità di personaggi o situazioni dei racconti evangelici alle quali gli oppositori del Cristianesimo pretendevano di non dare pieno credito.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
06/11/2014 - Osservazione (Moreno Morani)

Ringrazio i miei interlocutori per le precisazioni, e mi permetto di proseguire nel dialogo con due piccole osservazioni. Circa l'autenticità della notizia mi sembra di avere usato tutte le necessarie cautele: possibile (magari probabile) cha la notizia sia falsa, ma l'interesse che muoveva la mia riflessione era più generale e tendeva a riprorre la domanda: quale fu l'atteggiamento di Tiberio verso i Cristiani? La tesi di Marta Sordi (che è il vero punto centrale dell'articolo) è stata spesso osteggiata o negata in modo pregiudiziale. Questa è l'occasione per riparlarne. Ancora: le scoperte moderne hanno sfatato tanti pregiudizi moderni: si ricordi come sono rimasti male tanti esegeti che negavano l'esistenza di Pilato (e quindi la storicità di Gesù e la validità dei racconti evangelici) quando nel 1961 fu trovata un'iscrizione che conteneva il nome del personaggio. Di lettere e documenti del I sec. ne abbiamo (nei papiri egiziani e in genere nella documentazione), e la vicenda di Bar Kokhba e della sua corrispondenza consiglia prudenza. Certo, il ritrovamento della lettera di Velleio Patercolo a prima vista sembra troppo bella per essere vera, lo ammetto, ma credo che sia meglio aspettare di vederci chiaro prima di esprimere un giudizio definitivo. Grazie comunque per avere aviato un dibattito su una questione stimolante, vero o falso (o inesistente!) che sia il documento di Velleio.

 
06/11/2014 - Il problema è che la notizia è falsa (Pietro Bastargutti)

Un articolo ricco e informativo. Il problema è che la notizia è falsa, e del tutto priva di fondamento. A dare la notizia del "ritrovamento" è stato, infatti, il sito "world news daily report", una pagina di satira che descrive così i propri contenuti: "tutte le notizie qui presentate sono fiction" e "ogni somiglianza con la verità è puramente casuale". Curioso che il tema dell'articolo sia l'attendibilità di una testimonianza: proprio ciò che manca, per esplicita intenzione, alla fonte della notizia. Bastano due secondi di Google per verificare tutto ciò.

 
06/11/2014 - Falsa notizia (Giuseppe Pezzini)

Sarebbe veramente un ritrovamento eccezionale. Purtroppo la notizia in sé (prima che il documento) è un falso, un 'hoax' inventata dal sito satirico worldnewsdailyreport (http://worldnewsdailyreport.com/newly-found-document-holds-eyewitness-account-of-jesus-performing-miracle/). Non esiste nessun archivista Ignazio Perrucci (l'uomo della foto è il signor Ken Klukowski (http://www.christianpost.com/news/obama-admin-most-hostile-to-religious-freedom-in-us-history-says-expert-90447/) e l'immagine delle fantomatica pergamena è tratta dalla pagina wiikipedia delle tavolette di Vindolanda (http://en.wikipedia.org/wiki/Vindolanda_tablets), ovviamente senza entrare nel merito della plausibilità di ritrovare una lettera autografa del primo secolo.