BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NATALE 2014/ Dio non ci ha lasciati soli

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lorenzo Lotto, Adorazione dei pastori (1534) (Immagine dal web)  Lorenzo Lotto, Adorazione dei pastori (1534) (Immagine dal web)

All'uomo, ferito dal peccato, sarebbe stato impossibile uscire dalla solitudine e costruire la casa della comunione. Dio stesso allora ci è venuto incontro e si è fatto casa per noi, ha posto la sua tenda in mezzo a noi (Gv 1,14). È per questo che il Natale ci riempie il cuore di gioia e di speranza, la stessa gioia e la stessa speranza che hanno provato i pastori nell'udire il canto degli angeli: Gloria a Dio e pace agli uomini. Gloria a Dio, perché la sua luce ha ricominciato a brillare sulla terra, e pace agli uomini perché in quella luce possono ora ritrovare il loro vero volto.

Tutto ciò è mirabilmente sintetizzato nella IV preghiera eucaristica: «A tua immagine hai formato l'uomo, alle sue mani operose hai affidato l'universo perché nell'obbedienza a te, suo creatore, esercitasse il dominio su tutto il creato. E quando, per la sua disobbedienza, l'uomo perse la tua amicizia, tu non l'hai abbandonato in potere della morte, ma nella tua misericordia a tutti sei venuto incontro, perché coloro che ti cercano ti possano trovare».

Il Natale è Dio che in modo discreto, ma reale, viene incontro a tutti. Viene senza abbagliare, per lasciare a ciascuno la libertà di riconoscerlo e adorarlo. È l'inizio del ritorno a casa, un inizio che reclama la risposta dell'uomo e che avrà il suo compimento in un'altra notte, quella di Pasqua, quando ciò che questa sera comincia in modo silenzioso e nascosto, si manifesterà nello splendore della resurrezione.

Chiediamo allora al Signore la semplicità dei pastori che hanno saputo riconoscere nel segno povero di un bambino, in tutto simile ad ogni altro bambino della terra, il Re della gloria. Chiediamo anche per noi la grazia di poter riconoscere la sua divina presenza dentro tutte le pieghe, spesso banali e ordinarie, della nostra esistenza.

Possa Egli avere ancora pietà di noi e in questo santo Natale rinnovare dal di dentro le nostre vite, le nostre famiglie, la nostra Chiesa.

Buon Natale a tutti!



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.