BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ "Mòstrati Madre": Lourdes e il nostro grido di uomini

Pubblicazione:

Il santuario di Luordes (Infophoto)  Il santuario di Luordes (Infophoto)

Una vera narrazione di vita (presente e futura), da mamma, la faccio mia: "Vous avez conservé nos enfants. O Marie gardez-les dans la droite voie. Faites-les vos fidéles serviteurs. Et que par votre intercession nous soyons tous un jour réunis dans la gloire de votre divin Fils. O.E. 22 Mars 1896".(Voi avete custodito i nostri figli. O Maria guidateli nella dritta via. Fate di loro vostri fedeli servitori e che per la vostra intercessione noi possiamo essere tutti un giorno riuniti nella gloria del vostro divino Figlio).

L'ultimo ex voto proveniente dal mondo degli affetti familiari che aggiungerò è quello, commovente, di A. de la C., la quale, in un anno non ben precisato, in modo che non è dato sapere, deve aver vissuto qualcosa che, in anni recenti, debba aver condiviso con lei :"Hommage de profonde réconaissance a NDL qui a sauvé ma famille de la honte et du deshonneur. S.te Mère achevez votre oeuvre et protegez nous toujours" (Omaggio di profonda riconoscenza a Nostra Signora di Lourdes che ha salvato la mia famiglia dall'onta e dal disonore. Santa Madre completate la vostra opera e proteggeteci sempre).

Anche una Regione, quella, tra l'altro, da cui provengo, ricorda la sua venuta a Lourdes. Stavolta senza sciovinismi viene adottata la lingua del posto, cioè il francese, non riuscendo tuttavia a commuovere troppo. Forse grazie al fraseggiare vagamente da cartolina. Si può, comunque,  cogliere il civile e il religioso, ancora perfettamente sintetizzati dal semplice fatto di essere qui, cittadini geograficamente e civilmente riconoscibili, sì, ma soprattutto, figli di Maria: "Souvenir de pèlérinage de Lombardie. Aout 1882" (Ricordo di pellegrinaggio di Lombardia, agosto 1882).

Un "lontano" sembra percepire, forse dopo lungo viaggio, esser stato guidato a casa: "Action de grace à NDL pour la conversion d'un Russe schismatique". (Azione di grazie a Nostra Signora di Lourdes per la conversione di un Russo scismatico). Era il 10 agosto 1885. E lui si chiamava H.E.

Dopo le Orsoline del Sacro Cuore che — nientemeno dall'isola di Tinos, arcipelago greco, come sottolineano nell'epigrafe — vogliono esprimere "Eternelle réconaissance a NDL", l'iscrizione dettata da un cuore, non sappiamo se lieto o sofferente, appagato oppure ancora in cammino verso qualche dove lontano. Tuttavia un cuore, come Benedetto XVI augura divenga il cuore di ognuno di noi, un cuore di donna e di madre, quale quello di Maria Vergine nel quale capire tutta la profondità del mistero di Cristo: "NDL, je vous confie mon avenir. Eclairez-moi, conduisez-moi, guidez-moi. Monstra te esse Matrem". (Notre Dame de Lourdes, io vi affido il mio avvenire. Illuminatemi, conducetemi  guidatemi Voi. Mostrati Madre". 

Lo chiedeva Françoise. Il giorno era una domenica. Una bella domenica del primo di ottobre 1903. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.