BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

1984-2014/ Casaroli-Craxi, una doppia "firma" che ha fatto bene alla Chiesa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il card. A. Casaroli e B. Craxi firmano il nuovo Concordato (Immagine d'archivio)  Il card. A. Casaroli e B. Craxi firmano il nuovo Concordato (Immagine d'archivio)

Basterebbe invece ricorrere al dettato, e soprattutto allo spirito dell'accordo rinnovato di Palazzo Madama, per rendersi oggi conto di quanto tempo si è perso, trascorso spesso in inutili polemiche, piuttosto che indirizzare sempre più l'attenzione alla presenza arricchente della Chiesa in uno Stato la cui identità resta comunque inevitabilmente cattolica, perlomeno sotto il profilo culturale (Croce docet …). La pur legittima preoccupazione di preservazione del confine tra gli ambiti di esercizio delle rispettive autorità non dovrebbe oggi costituire un ostacolo allo sviluppo fecondo delle reciproche relazioni e soprattutto di una collaborazione sociale, a sua volta espressione in chiave sussidiaria di due distinti modelli di welfare, della quale ancora oggi il nostro Paese pare comunque non poter prescindere.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.