BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI/ Gemellaggio Usa-Italia sull'astensionismo?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

NEW YORK - Uno spettro si aggira per l'Italia: lo spettro dell'astensionismo. Tutti i poteri italiani sembrano essersi schierati contro di esso: le massime cariche dello Stato, i politici e intellettuali e politologi dei più diversi colori; per esempio, l'astensionismo è stato descritto come fenomeno essenzialmente limitato agli anziani confinati in casa, agli studenti in giro per il mondo, e agli imprenditori in viaggio d'affari. Ma sarà poi vero? È possibile ridurre l'astensionismo a un fenomeno essenzialmente negativo (anti-politica, disaffezione, indifferenza alla vita pubblica)?

In un momento in cui lo scollamento della politica professionistica dall'esistenza dei cittadini sta incoraggiando la tentazione dei semi-colpettini di Stato, molti cittadini continuano a lavorare a testa bassa, contribuendo in modo costruttivo alla vita della polis; semplicemente, scelgono di non votare. C'è chi non si reca nemmeno al seggio elettorale (ma così rischia di essere categorizzato come un malato o un distratto o un pigro), chi si reca a votare ma depone una scheda bianca (la quale peraltro può essere troppo facilmente manipolata), e chi infine va a votare e annulla la scheda, in modo che non sussistano equivoci.

Uno degli spettacoli più affascinanti della vita politica in epoca elettorale è il succedersi della rumorosità e del silenzio. Prima: i proclami, i dibattiti, i manifesti, i discorsi; poi: un giorno di silenzio - il silenzio attivo (finalmente si agisce, votando) da cui usciranno settimane di rinnovato clamore. Ma chi non vota resta sempre in silenzio: prima, durante, e dopo. Almeno in Italia; perché in altri paesi - negli Stati Uniti, per esempio - c'è chi non prova imbarazzo a dire pubblicamente di non aver votato. Come l'autore, alcuni mesi or sono, di una lettera al direttore (ovviamente firmata) in uno dei più prestigiosi settimanali; il quale, parlando di una votazione a livello locale, scrive fra l'altro: "Ero così frastornato dalla mancanza di scelta nella scheda elettorale che sono andato al seggio, ho firmato il registro, ho ritirato la scheda, l'ho appallottolata, e sono uscito. Arrivato a casa, ho buttato via la scheda". E l'estensore di quella lettera aggiunge: "Penso che il pubblico si renda conto che, al momento in cui si indice un'elezione, le scelte rimaste sono poche o nulle. E questa è una ragione per cui la maggioranza dei votanti non va a votare".

Naturalmente ciò è vero negli Stati Uniti, ma non Italia, dove la maggioranza degli aventi diritto al voto effettivamente vota. E così i cittadini italiani hanno periodicamente l'occasione di sentirsi superiori ai cittadini americani: i quali votano in numero limitato (ma beneficiano di governi stabili, per cui sarebbe inaudito non arrivare alla fine della legislatura), mentre gli italiani continuano ad affluire alla sagra della democrazia per eleggere (quando è loro permesso) un governo che durerà lo spazio di un mattino.



  PAG. SUCC. >