BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Così Giovanni Verga ha "cassato" Fabio Volo

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il successo di Va' dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro nel 1994 accompagnato da Jack frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi (dello stesso anno) è in realtà preparato nei decenni precedenti dai profondi cambiamenti che si stavano verificando nell'editoria, non è certo novità che scaturisce in quell'anno ex abrupto. A nostro modo di vedere, non c'è, quindi, alcun spartiacque nel 1994 nel campo della narrativa, come ha, invece, sottolineato con molta enfasi Paolo di Paolo nel recente articolo pubblicato su La Stampa del 22 gennaio 2014. 

Mi sembra che non si debba neanche troppo evidenziare l'eccessiva presenza dello scrittore giovane che ha successo. Certo, oggi le case editrici come quelle discografiche e quelle cinematografiche sono alla continua ricerca di giovani talenti da lanciare. E come potrebbero non farlo. Ma anche Moravia nel 1929 a soli ventidue anni stupiva tutti con Gli indifferenti e il secolo prima Foscolo pubblicava a ventiquattro anni Le ultime lettere di Jacopo Ortis (1802). Ora, in un contesto in cui il pubblico è più ampio e il numero dei libri pubblicati in Italia è quasi raddoppiato tra il 1980 e il 1990 (da 19.500 a 38.000 secondo i dati Istat) ed è cresciuto del 47% tra il 1990 e il 2000, anche gli scrittori giovani sono più presenti e le editorie guardano a loro nella speranza di trovare un nuovo talento letterario. 

Ma il fenomeno deve essere senz'altro ricondotto alle sue giuste dimensioni. Basta leggere la classifica dei libri più venduti in Italia nel 2013. Secondo le graduatorie riportate dal Corriere della sera, troviamo al primo posto Khaled Hosseini con E l'eco rispose (Bompiani), seguito da Dan Brown con Inferno (Mondadori), da Roberto Saviano con il suo ZeroZeroZero (Feltrinelli), poi Andrea Camilleri con Un covo di vipere (Sellerio)  e da Joël Dicker con La verità sul caso Harry Quebert (Bompiani). In sesta posizione compare Fabio Volo, con La strada verso casa (Mondadori), in settima posizione Massimo Gramellini con Fai bei sogni (Longanesi), in ottava e in nona posizione E. L. James con  le Cinquanta sfumature di Grigio e di Rosso di (Mondadori). 

Se torniamo indietro negli anni precedenti possiamo cogliere quella che – a mio avviso – è la caratteristica più evidente tracciata dal cambiamento della narrativa di questi anni, non certo identificabile nella presenza del best seller di successo già presente da tempo (come abbiamo dimostrato) o dello scrittore giovane, ma nella presenza disinibita, esagerata del sesso e dell'erotismo (quasi pornografia) nella letteratura. Stupisce invece che i critici letterari e quanti analizzano il mercato non abbiano quasi mai posto l'attenzione su questo aspetto, come se fosse consueto e tipico del panorama letterario. Il 2012 ha visto lo spopolare dei romanzi delle sfumature in grigio, romanzi erotici che indulgono alla rappresentazione disinibita dell'eros e della sessualità e che hanno venduto più di 30 milioni di copie in tutto il mondo.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >