BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ Il denaro, ruffiano universale o semplice mezzo?

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Se lo intendiamo astrattamente, il denaro non è che una rappresentazione del valore e perciò non è implausibile sostenere che ogni cosa dotata di valore, ogni bene sociale, può essere rappresentata in termini monetari. Consideriamo la definizione del cinico attribuita a Oscar Wilde: “Un uomo che conosce il prezzo di tutto e il valore di niente”, è una definizione troppo assoluta: non è da cinici pensare che qualche volta il prezzo e il valore coincidano. Ma abbastanza spesso il denaro non rappresenta il valore: con la traduzione qualcosa, come succede con la buona poesia, va perduto". Nei giorni in cui uscivano le ennesime stime dell'Unione Europea sul nostro Paese e che un giovane governo si accingeva a proporre un drastico cambiamento e ad affrontare sfide importanti, mi trovavo a riflettere sul peso del denaro nella nostra vita e sul suo valore. Credo che la lunga citazione di un brano di "Sfere di giustizia" di Michael Walzer sia un opportuno stimolo per ragionare su che società vogliamo per i nostri figli, cosa pensiamo si possa comprare e dove vogliamo andare. "Shakespeare e Marx – sintetizza Walzer – erano contrari all'universalità del mezzo, non al mezzo in sé". E noi?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.