BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALDO MORO/ Così le Br lo hanno tolto di mezzo con l'aiuto di Cia e Kgb

Pubblicazione:

Aldo Moro (1916-1978) prigioniero delle Br (Immagine d'archivio)  Aldo Moro (1916-1978) prigioniero delle Br (Immagine d'archivio)

E ancora: "Nel sequestro Moro furono utilizzate tecniche che non avevano nulla a che fare col nostro tipo di azione. Ad esempio, Moro fu fatto salire in auto. Noi, invece quando sequestrammo, nel 1974, il giudice Sossi, agimmo prima mettendo un furgoncino sotto casa sua: quando lui arrivò, uscirono fuori i nostri, lo presero e lo buttarono nel furgone, chiudendolo poi in un sacco. Quindi si spostarono verso di noi che stavamo in una macchina, lo scaricarono col favore del buio serale e andammo via. Invece, i rapitori di Moro che cosa fanno? Lo fanno salire in macchina, arrivano in una piazza frequentatissima e lo trasferiscono su un furgone. Tutto questo una ventina di minuti dopo il sequestro, in mezzo al traffico e alla folla. Mi pare sinceramente impossibile che nessun testimone abbia visto. Questo furgone, inoltre, non è mai stato trovato. Morucci dice che fu lasciato in un parcheggio sotterraneo, lì fu tirato fuori Moro e quindi portato, forse sulla Renault rossa, in via Montalcini. Il furgone non esiste, e questo sequestro non può essere certamente stato fatto così, non sta in piedi". 

Ragionamenti che confermano in pieno l'ipotesi lanciata dal film di Martinelli. I rapitori di Moro erano manovrati inconsapevolmente, ma qualcuno di loro agiva sapendo tutto, avendo coscienza di quel che faceva e di cosa c'era in ballo. Non per niente, i numeri del caso Moro sono i seguenti: 23 sentenze, 127 condanne, 27 ergastoli. Ma in galera non c'è più nessuno. Tutti liberi ormai da diecine di anni. Evidentemente, la Cia o il Kgb (oppure la Cia e il Kgb) hanno rispettato i patti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
27/03/2014 - Ultime novità sul sequestro Moro (Duilio Sala)

Ma perché, dico io, in Italia ( e, pare, solo in Italia ) ci vogliono sempre dai trenta ai quarant'anni perché certe cose vengano alla luce? Per me, sinceramente, più sono "vecchie" e meno sembrano credibili. Saluti