BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RUSSIA/ Petruska, in un burattino la salvezza dell'uomo

Pubblicazione:

Igor Stravinskij (1882-1971) (Immagine d'archivio)  Igor Stravinskij (1882-1971) (Immagine d'archivio)

E conta poco che la Ballerina non sia consapevole di ciò che essa stessa provoca: essa, tuttavia, esiste – e la sua vita è miracolosa, perché è una vita che genera altra vita; una vita da cui altra vita si accende. Ed è forse anche in questa piccola, muta, splendida figura di Ballerina che si sintetizza l'anelito di tutta la cultura russa fra Otto e Novecento: non solo in una grande e tragica ambizione storica, non solo in un gesto dell'io che, minacciato dal potere, riafferma se stesso, ma – soprattto – nella speranza di un miracolo che torni a far bruciare nel cuore il desiderio di essere vivi.

Il balletto "Petrouchka" di Igor Stravinsky è stato al centro dell'ultimo incontro del ciclo di seminari Al fondo del nulla, il soffio della vita: viaggio nella cultura russa, a cura di Tiziana Liuzzi e del Centro Culturale di Bari. Gli articoli di Fabrizio Sinisi:



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.