BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Hitler a spasso in Argentina: cosa c'è di vero nella leggenda "nera"?

Pubblicazione:

Adolf Hitler (1889-1945) tiene un comizio nel 1936 (Immagine d'archivio)  Adolf Hitler (1889-1945) tiene un comizio nel 1936 (Immagine d'archivio)

BUENOS AIRES - Fantasia o realtà? Per ora, solo un mistero. Ma la stampa inglese rimette in discussione questo tema, sulla base dell'archivio riguardante la sorte di Adolf Hitler, desecretato dall'Fbi nel giugno 1998: il genocida nazista e la moglie Eva Braun non sarebbero morti nel loro bunker a Berlino il 30 aprile 1945, dando esecuzione al loro patto suicida, ma sarebbero scappati con un sottomarino verso l'Argentina.

Secondo i documenti dell'Fbi, sui quali si basano le informazioni dei quotidiani Daily Express e Sunday Express, questa pista sarebbe stata indicata a un agente nordamericano da un cittadino argentino residente a Los Angeles, California, che nel settembre del 1945 gli avrebbe riferito che Hitler sarebbe sbarcato sulle coste della Patagonia, più precisamente presso il Golfo San Matias, nel mese di maggio dello stesso anno, un paio di settimane dopo la caduta di Berlino.

Secondo tale testimonianza, due sottomarini lo avrebbero portato alla località nota come Caleta de los Loros, situata nel Golfo di San Matias, sulla costa atlantica argentina. Le due imbarcazioni sarebbero state affondate a circa 800 metri dalla costa e avvistate per anni dagli abitanti della zona nei periodi di bassa marea, nei quali erano visibili le sagome parzialmente coperte dalla sabbia; questo secondo la testimonianza di un pilota civile, Mario Chironi, che era solito sorvolare la zona negli anni Cinquanta, pubblicata dal quotidiano La Nación di Buenos Aires il 6 luglio 1998.

Gli archivi, una volta segreti, dell'Fbi riferiscono che, dopo una notte passata in un hotel della città di San Antonio Oeste (piccola città la cui economia all'epoca dipendeva dalla fabbrica tedesca Sassenberg & Cia), Hitler e quelli che erano con lui furono trasferiti verso la Cordigliera delle Ande, stabilendosi per molto tempo nella proprietà di una famiglia tedesca residente a San Carlos de Bariloche, la Hacienda San Ramon.

A partire da quel periodo, i dati sono diventati imprecisi e confusi. Un informatore afferma di aver visto Hitler che camminava per una via di Charlottesville, Virginia (Usa), il 18 luglio 1946. Un altro luogo dove il Führer sarebbe stato avvistato il 16 luglio 1947 è un casinò "tra Buenos Aires e Rio de Janeiro", città distanti 2.000 km l'una dall'altra, presumibilmente a "Rio Grande del Sur", che non è una città, bensì uno stato di più di 280.000 kmq. 

I rapporti di intelligence presentati al capo dell'Fbi, J. Edgar Hoover (1895-1972), raffigurano Hitler come un turista che passeggia tra il Sudamerica e gli Stati Uniti. Quelli che credono alla versione secondo cui il gerarca tedesco non morì a Berlino, sostengono che egli riuscì a scappare con l'aiuto degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, prima che l'Unione Sovietica prendesse il controllo della capitale tedesca, in cambio di denaro e trasferimento di tecnologie. 



  PAG. SUCC. >