BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ L'Europa? Il cielo "sceso" in terra

Pubblicazione:

Firenze (Infophoto)  Firenze (Infophoto)

La trasformazione in senso positivo del lavoro e la legittimazione delle attività mercantili e finanziarie, l'innovazione e il progresso tecnico (impiego dei mulini, la tessitura orizzontale) e intellettuale (si pensi alla scolastica e a San Tommaso, o al fides quaerens intellectum di Anselmo di Canterbury), l'idea di crescita e la stessa concezione del tempo e del compimento dei tempi sono come le emergenze sul piano della realtà materiale e della mentalità di un nuovo sguardo al mondo.

Due osservazioni nascono da questa lettura, che credo rafforzino tuttavia un aspetto centrale del libro: l'Europa è una unità nella diversità. 

Innanzitutto l'Europa trattata da Le Goff è quella occidentale. Una visione legittima, ma che non può trascurare la complementarietà dell'Oriente cristiano anche nel lungo periodo: le pagine di Berdjaev su Il senso della storia rimangono a mio avviso esemplari per interrogare adeguatamente il passaggio tra Medioevo ed Umanesimo. 

In secondo luogo la prospettiva di Le Goff vede l'Europa da "francese". Anche in questo caso una prospettiva assolutamente legittima, ma che lascia un po' in ombra una figura centrale per il Medioevo (e per la sua comprensione tra il tempo e l'eterno) come Dante; e che esaltando la Firenze quattrocentesca («fiore d'Europa?») non ne ricorda l'apogeo raggiunto due secoli prima, ovvero la città di Dante, Giotto e Arnolfo.

Termino queste note, citando un articolo comparso sulle pagine de Il Giornale all'indomani della pubblicazione del volume. Marco Meschini concludeva l'intervista a Le Goff domandando un giudizio sull'Europa di oggi. Sintetica la risposta: «Rifiuto l'idea della decadenza, che è un'idea molto negativa in storiografia e che fa agio a quel terrorismo "della giovinezza" contrapposto dai fondamentalisti a civiltà che sarebbero decadenti. Ma il terrorismo è una barbarie. (…) La storia è per l'Europa un trampolino che permette di spiccare il balzo verso il futuro».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.