BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Tolkien, Beowulf e la "trappola" del lato oscuro

Pubblicazione:

Il manoscritto del Beowulf (particolare) (en.wikipedia.org)  Il manoscritto del Beowulf (particolare) (en.wikipedia.org)

In The Monster and the Critics, da conoscitore del poema (e anche amante della "dark ale", una "birra scura" dal sapore deciso, la sua definizione di Beowulf in On Translating Beowulf del 1940 a proposito della traduzione di Wrenn), Tolkien pone il problema filologico come centrale all'ermeneutica del testo; l'autore di Beowulf, cristiano, narra un mondo pagano, dove Grendel è un discendente sia di Caino che del Worm, il verme che avvolge il mondo, in un mondo tutto nordico, e non mediterraneo, dove gli dei sono alleati degli uomini in una lotta impari nella quale il mostro vince, e dove rimane solo il lof, onore e fama, e senza Campi Elisi. Nell'Appendice dedicata ai Grendel's Titles Tolkien passa in rassegna (vera delizia per i veri Tolkien-o'-maniacs) i nomi di Grendel in Old English ed arriva a questa conclusione. Grendel "is not when wrestling with Beowulf a materialized apparition of soul-devouring evil" ("non è, mentre lotta con Beowulf, una apparizione materializzata del male che divora l'anima"). Altra storia è quella del terzo mostro, un dragone con ali che cova un tesoro da trecento anni; Beowulf è vecchio e, l'autore ce lo ripete quattro volte, morirà nello sfidarlo, come infatti accade. Solo il lof resta, sia pur con un accenno di contaminazione verso cieli non più vuoti. E  Grendel, ci avvisa Tolkien, è "una controparte reale al dragone nella storia di Beowulf". 

Occorre quindi distinguere bene, e non fare di tutti i mostri un fascio, anche se questa operazione "facilita le interpretazioni" di Beowulf l'eroe come una allegoria del desiderio umano di "volersi dedicare a cose grandi", a cui, allegoricamente (ma forse "schematicamente" sarebbe parola più adeguata) il nostro lato oscuro, il mostro, resisterebbe. Tolkien e l'autore di Beowulf, entrambi  cristiani, capiscono meglio del mondo pagano che creò Beowulf la differenza fra "un orco diabolico, ed un diavolo che si rivela in forma d'orco", e sanno che nessuno dei due è il "dark side". Di certo non quello di Star Wars.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.