BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Eva Braun, l'amante perfetta del Mostro?

Pubblicazione:

Eva Braun-Hitler (1912-1945) (Immagine d'archivio)  Eva Braun-Hitler (1912-1945) (Immagine d'archivio)

Nemmeno s'insinua il minimo dubbio di un revisionismo storico o del tentativo (perché poi?) di assolvere in parte Eva Braun. L'intento di Roat, senz'altro cristallino e univoco, è quello di favorire la comprensione della tragica, enigmatica figura di Eva Braun. Non fosse che, trattandosi di Eva Braun e Adolf Hitler, si aprono inevitabilmente una vastità di scenari che elevano a potenza la storia narrata da Roat: il ruolo di chi affianca il potere in nome dell'amore (ma lo si può definire veramente tale?), la lacerante schizofrenia dei tedeschi di quei tempi, i quali, per dirla con parole dell'autore: si muovevano agevolmente fra educazione raffinata e campi di sterminio, fra l'illusione di poter la Germania divenire faro e guida dell'Occidente e la realtà delle macerie in cui l'Europa fu ridotta. Non sfugga infine al lettore la saldezza della struttura del romanzo, la tensione con cui si snoda la trama, il modo con cui sono calibrate e centellinate il ritmo e le pause, la padronanza dello stile.

-
Francesco Roat, "Hitler mon amour", Avagliano, Roma, 2014



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.