BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Il segno della Grazia: la "risposta" di Flannery O'Connor a Steiner

Pubblicazione:

Flannery O'Connor (1925-1964) (Immagine d'archivio)  Flannery O'Connor (1925-1964) (Immagine d'archivio)

In Vere Presenze e in Grammatiche della creazione Steiner comprende perfettamente che la "sacralità dell'ordinario" può essere celebrata solo a partire dall'evento della kenosis di Dio. Tuttavia per Steiner il linguaggio cristologico rimane una "finzione", una "metafora" tesa a cogliere il senso dell'esperienza estetica, ma priva di un assoluto valore di verità.

Nella O'Connor, invece, la carnalità della Grazia è letta interamente alla luce dell'Avvenimento cristiano ed il miracolo eucaristico, lungi dall'essere una semplice metafora, rappresenta la possibilità di guardare le cose peggiori come una promessa di Bene. Il Mistero si fa una Presenza fino ad essere "inciso" nella carne, come il volto di Cristo tatuato nella schiena di Parker. 

Ciò che sorprende di più è che nella narrativa della O'Connor il movimento centrale conduce dalla certezza alla possibilità. Infatti dal "fatto" dell'Incarnazione (la certezza) si passa all'atto libero dell'accettazione della Grazia (la possibilità del riconoscimento). Con un passaggio che potrebbe mettere a repentaglio la solidità "cristiana" della sua narrativa, la fede, resa apparentemente "debole", diventa una questione pienamente "terrena", la possibilità più vera offerta all'uomo. Questa carnalità del Mistero è "creduta" dalla O'Connor perché "vista" in azione.

Diversamente dalla O'Connor, in Steiner non c'è incontro con una presenza Altra che possa salvare "realmente" dal Male del mondo. Di fronte all'impossibilità di credere all'Incarnazione, la "vera presenza" rimane valida solo sul piano estetico-ermeneutico ed incapace di rispondere alla follia totalitaria del XX secolo, frantumandosi così davanti alla soglia della storia.

Nell'ottica della O'Connor il sacrificio di Cristo, poiché non è né una metafora né un'invenzione, salva realmente le dimensione ordinaria, e le sue imperfezioni diventano così il segno tangibile di una promessa di compimento. Come il volto "segnato" di Mary Ann, la bambina affetta da un male incurabile e morta a soli dodici anni. Nella sua breve esistenza la "spina" della malattia non le ha impedito di vivere con letizia. Il suo volto "grottesco" è incompiuto, esattamente come «la creazione al settimo giorno», ma nella sua imperfezione è un volto pieno di promessa perché ci ricorda che il Bene sulla terra è "qualcosa in costruzione".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.